Basket, vittoria strappata con le unghie per la Calligaris

Basket, vittoria strappata con le unghie per la Calligaris

In Serie C Gold passo avanti ‘matematico’ della Calligaris di Corno verso i playoff: 68-62 allo Jadran Trieste nella quart’ultima di ritorno

Una vittoria strappata con le unghie e con i denti. Raschiando tutte le energie possibili. Grazie alla difesa e alle invenzioni offensive di un giocatore, Daniel Tonetti, che è un piacere ammirare quando è “on fire”.

Il “killer di Ruda” non doveva nemmeno scendere in campo perché, in realtà, aveva accusato una contrattura a un polpaccio in settimana. Il provino durante il riscaldamento e poi il lancio a caldo in quintetto. Con la speranza che la condizione fisica non degenerasse, anche in ottica play-off. Poi, durante il match, Tonetti e i suoi compagni danno spettacolo soprattutto negli ultimi 5 minuti facendo schizzare letteralmente in piedi i tifosi friulani accorsi all’impianto di via XXV aprile.

Così è nato il successo della Calligaris Csb che a Corno di Rosazzo supera 68-62 lo Jadran Trieste nella quart’ultima di ritorno di C Gold e fa un passo “matematico” verso i play-off nonché verso la conquista del fattore campo nel primo turno della Poule promozione. I “plavi”, com’era lecito attendersi, vendono cara la pelle e per poco non compiono il blitz. La formazione allenata (bene) da Mura tiene in scacco la Calligaris per tanto tempo e quasi sotto lo striscione s’impantana. Forse pure a causa del quinto fallo commesso da Matija Batich al 36’ che di fatto toglie dalla contesa un attore protagonista.

La Calligaris ha due passaggi a vuoto sostanziali dopo un primo quarto equilibrato. A fine secondo periodo, quando lo Jadran va avanti al riposo grazie a un break di 0-9, e in avvio di ultima frazione in cui gli ospiti scappano via arrampicandosi sul 55-62 al 35’, massimo vantaggio. Sembra finita perché l’inerzia è tutta dalla parte di Ban e compagni, ma come spesso succede inutile fare i conti in assenza dell’oste. Il profumo di rimonta comincia a sentirsi nel momento in cui, quatta quatta, la Calligaris si accomoda in lunetta tre volte di fila (59-62 al 37’) e, nella propria metà campo con Rovere che ordina la match up, Graziani scivola come un ventenne, mentre Braidot è in ogni dove. Franco, nonostante sia rimasto in campo per soli 18′ a causa di problemi di falli, cerca e trova una tabellata (63-62 a -1’34”). Tonetti spara una tripla delle sue (66-62 a -1’03”). Infine, Graziani mette il punto esclamativo dalla linea della carità. Parziale di 13-0 negli ultimi 5’ e match, pardon play-off, in ghiaccio per la Calligaris del presidente Loris Basso.

CALLIGARIS 68
JADRAN 62

17-17, 30-33, 52-48

CALLIGARIS CSB CORNO DI ROSAZZO
Avanzo 2, Graziani 14, Tonetti 24, Diviach 5, Miniussi, Franco 11, Braidot 6, Bacchin 6; non entrati: Sandrino, Miani e Macaro. Coach Rovere.
JADRAN TRIESTE
Batich 13, Ban 7, Ridolfi 12, Cettolo 4, De Petris 6, Malalan 3, Daneu 4, Rajcic 2, Grbac 11; non entrato: Kocijancic. Coach Mura.
Arbitri Fighera e Radoni.
Note Tiri liberi: Calligaris 16/24, Jadran 11/16. Rimbalzi: Calligaris 39 (Franco 8), Jadran 50 (De Petris 15). 5 falli: Batich al 36’ (58-62).

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy