La Gsa Udine abbatte l’Alma Trieste e si avvicina alle Final Eight

La Gsa Udine abbatte l’Alma Trieste e si avvicina alle Final Eight

I bianconeri si aggiudicano il derby al Carnera al termine di una prestazione “sostanziosa”. Mvp dell’incontro Dykes con 17 punti. Consolidato il secondo posto

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Strepitosa affermazione per la Gsa Udine che nella penultima giornata del girone di andata ha battuto la capolista mettendo una seria ipoteca sulle Final Eight di Jesi 2018. Con un Kyndall Dykes a tutto campo – e Mvp dell’incontro con 17 punti e autore di 6 assist – e con Rain Veideman tornato agli standard ai quali ci aveva abituato la scorsa stagione, i bianconeri si sono aggiudicati il primo derby della stagione contro l’Alma Trieste, costretta al secondo ko della stagione che non mette comunque in dubbio il primato nel girone Est di Serie A2. Pur essendo una stata una partita condita da numerosi errori, hanno vinto le motivazioni della squadra di Lino Lardo capace di lottare su ogni pallone concedendo poco o nulla a Green e compagni. A una giornata dalla fine della prima parte del campionato (prossima sfida il 7 gennaio a Imola), i bianconeri hanno consolidato il secondo posto e ora possono davvero sognare in grande. Tutti insieme, tutti uniti.

CRONACA. Con Pinton tornato a disposizione quasi a tempo di record dopo l’operazione alla mano, Gsa Udine Alma Trieste tifosi Settore Dcoach Lardo può contare sull’intero roster a disposizione e manda in campo il quintetto formato da: Veideman, Dykes, Raspino, Benevelli e Pellegrino. Eugenio Dalmasson risponde con: Cavaliero, Green, Baldasso, Da Ros e Bowers. Dopo un minuto e 7 secondi privi di canestri, è Pellegrino a rompere il ghiacchio (2-0). Immediata la risposta di Green (2-2) che nei minuti successivi colleziona due falli in serie. Inizia un confronto serrato tra le due formazioni, con la Gsa Udine che prende un piccolo vantaggio Benevelli e Dykes che firmano il +4 (10-6). A quattro minuti e 20 secondi dalla fine Pellegrino aumenta la distanze (12-6). I padroni di casa comandano fino a 2 minuti e 41 secondi dal termine del periodo (17-11), poi subiscono il ritorno dei giuliani che riescono ad annullare il vantaggio friulano proprio a 49 secondi dalla fine grazie a un canestro di Prandin (17-17). A inizio di secondo periodo, l’Alma passa per la prima volta in vantaggio con Baldasso (17-19). Ma Ferrari, entrato a fine prima frazione assieme a Pinton, riequilibra subito il punteggio (19-19). Dopo un minuto e 32 secondi, poi, Pinton fa vibrare il Carnera con una tripla “in caduta” per fallo di Prandin che consente all’ex Benetton di siglare anche un libero (23-19). A metà periodo nuovamente situazione di parità (28-28), ma nel finale si scatenano i ragazzi di Lardo. Prima Veideman compie un’autentica magia, realizzando un canestro da posizione impossibile (32-30), poi Diop prima su assist di Pellegrino e poi su assist di Dykes porta a +7 il vantaggio bianconero (38-31) a un minuto e 50 secondi dall’intervallo lungo. Nell’ultimo minuto, poi, Trieste perde lucidità e ancora Diop e Dykes vanno a segno per il 42-31 che fissa il secondo periodo. Dopo l’intervallo, la Gsa Udine accusa qualche problema in termini di lucidità e precisione. Ne approfitta in parte Trieste che a metà periodo si porta a meno 6 con Bowers (44-38). Dykes prima e Raspino, poi, rimettono in corsa i friulani che a 3 minuti e 30 secondi dalla terza sirena sono nuovamente avanti di 8 punti (48-40). La tripla di Benevelli a 2 minuti dal termine del periodo dà ossigeno ai bianconeri (53-42). Nel finale Dykes, dopo un paio di errori, fissa il terzo parziale sul 55-46. Nell’ultimo periodo, il primo canestro è realizzato da Mortellaro su assist di Dykes (57-46). Entrambe le squadre faticano a trovare spazi e punti, a rompere gli equilibri ci pensa Fernandez con una tripla (58-54). Un minuto dopo però lo stesso Fernandez compie un fallo antisportivo su Veideman: l’estone prima realizza i due liberi (61-54) e poi sugli sviluppi della rimessa piazza il +9 (63-54). A un minuto e 49 secondi dalla fine Udine è ancora a +7 (70-63), ma a 56 secondi Fernandez attraversa tutto il campo, mette a segno un canestro pesantissimo e guadagna un libero per fallo di Mortellaro (70-66). Finale al cardiopalma con tre errori in serie dalla lunetta di Raspino e Dykes (71-66) a 21 secondi dalla fine. Tre secondi dopo Fernandez realizza i due liberi concessi per fallo (il quinto) di Mortellaro (71-68) e a 11 secondi dal termine della gara anche Benevellli realizza dalla lunetta (73-68, quinto fallo di Loschi). Un secondo dopo Green mette a segno uno dei liberi per fallo di Raspino per il 73-69 finale.

IL TABELLINO

GSA UDINE – ALMA PALLACANESTRO TRIESTE 2014 73-69

(17-17, 42-31, 55-46)

GSA UDINE: Dykes 17 punti, Mortellaro 9, La Torre, Veideman 12, Raspino 5, Nobile, Pinton 4, Ferrari 2, Chiti ne, Pellegrino 6, Benevelli 9, Diop 9. All. Lino Lardo.

ALMA PALLACANESTRO TRIESTE 2014: Fernandez 14 punti, Green 5, Babich ne, Schina ne, Baldasso 9, Janelidze, Prandin 5, Cavaliero 3, Da Ros 5, Bowers 11, Loschi 11, Cittadini 6. All. Eugenio Dalmasson.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy