Mandorlini non ha dubbi: “Pordenone, può diventare una bella storia di calcio”

Mandorlini non ha dubbi: “Pordenone, può diventare una bella storia di calcio”

Il figlio dell’ex allenatore del Verona, Mandorlini, è diventato leader di questo Pordenone: “Resterei volentieri. Qui la mia famiglia sta bene e io sono felice. Nel calcio non si sa mai, ma voglio costruire una bella storia”

Commenta per primo!

Figlio d’arte, ma la vera arte è messa in campo, senza il peso del cognome che porta. Matteo Mandorlini è stato un punto fermo di questa stagione neroverde e lui parla da leader:«Sono qui perché il Pordenone può diventare una bella storia di calcio italiana, com’è stato per Carpi e Frosinone», afferma a Il Gazzettino. Dove fa il punto alla vigilia della super sfida col Cittadella: «Possiamo sfruttare il fatto che il Cittadella ultimamente fatica a chiudere le partite e che subisca più gol del normale. Lavoreremo sulle loro debolezze. Abbiamo davanti un’occasione unica: non è detto che il prossimo anno tutto giri bene come oggi. Sfruttiamo il momento e proviamoci».

Poi uno sguardo al futuro prossimo con i playoff nel mirino: «E sarebbe fondamentale  incontrare una squadra del nostro girone: le conosciamo già».

Resterei volentieri. Qui la mia famiglia sta bene e io sono felice. Nel calcio non si sa mai, ma voglio costruire una bella storia a Pordenone

Infine il futuro più lontano: «Resterei volentieri. Qui la mia famiglia sta bene e io sono felice. Nel calcio non si sa mai, ma voglio costruire una bella storia a Pordenone».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy