Pordenone, una delegazione in visita alla scuola Rosmini

Pordenone, una delegazione in visita alla scuola Rosmini

Il presidente onorario Zuzzi, assieme ai calciatori Stefani, Cattaneo, Pietribiasi e Marchi hanno incontrato 220 piccoli alunni della primaria di Villanova

Commenta per primo!

Grande festa per il “Progetto Scuole” del Pordenone, che oggi ha fatto tappa alla scuola primaria Rosmini di Villanova. Una delegazione neroverde, guidata dal presidente onorario Giampaolo Zuzzi e da capitan Mirko Stefani, ha incontrato i 220 alunni del plesso. Stefani, Luca “Veleno” Cattaneo, Stefano “Condor” Pietribiasi e Paolo Marchi hanno conquistato la giovane platea, dimostratasi molto “tifosa”, rispondendo a tantissime domande. Sottolineati, in particolare, la grande gioia che regala una vittoria ma la necessaria capacità di saper anche perdere, l’importanza di non arrendersi mai, del rispetto delle regole, dell’impegno in allenamento come sui banchi di scuola, di una corretta alimentazione.

«Calcio a parte, che sport avreste fatto?», è stata una delle richieste: «ciclismo e sci» la risposta di Stefani, «tennis» di Cattaneo e

bty
bty

Marchi, «mi piacciono tutti gli sport» ha detto invece Pietribiasi. E i beniamini? Baresi quello di Stefani, Maldini di Marchi, Del Piero e Messi per Cattaneo, Del Piero per Pietribiasi. Gran finale con consegna ai giocatori dei disegni a tema neroverde degli alunni, foto di gruppo, compreso l’immancabile selfie, autografi, il coro “Forza Pordenone” e la consegna delle speciali t-shirt Scuola&Calcio realizzate con Decathlon.

Il “Progetto Scuole”, avviato da due mesi, è condotto dai qualificati istruttori della Scuola Calcio del Pordenone (responsabile Alessandro Zuttion, coordinatore Antonio Borriello) e vede la collaborazione di Crédit Agricole FriulAdria. Vedrà protagonisti oltre 600 bambini del territorio (Istituto Comprensivo Pordenone Sud e Centro), a cui sono proposti interventi ludico-motori nelle classi, di avviamento al gioco del calcio, di promozione di corretti stili di vita e di valorizzazione dei principi dell’etica sportiva.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy