Triestina: si riparte tra l’indifferenza del pubblico

Triestina: si riparte tra l’indifferenza del pubblico

La Triestina, tra crisi societarie, richieste di fallimenti e tifosi sempre sul piede di guerra, guarda comunque avanti. La compagine biancorossa si è ritrovata sabato agli ordini del tecnico Cristiano Masitto sul sintetico Rouna di Prosecco (sul carso triestino).

Come racconta Il Piccolo, a bordo campo qualche tifoso appassionato, da contare sulle dita di una mano. Punto. Nessuna contestazione, solo indifferenza da parte della tifoseria organizzata che non riconosce più questa squadra nella “sua” Triestina. A cercare un filo d’ombra anche due agenti del 113 inviati sin qui dalla questura per timore che potesse succedere qualcosa. Preoccupazione superflua.
«Sono dispiaciuto che i tifosi non ci siano – afferma il presidente Pontrelli – , ma posso capire le loro prese di posizione. E, allora, li aspetto allo stadio. Starà a noi riconquistarli con il nostro gioco e i nostri risultati. Proprio per questo motivo abbiamo deciso: quest’anno, niente campagna abbonamenti. Non voglio che i tifosi dicano: Pontrelli vuole i soldi dei tifosi in anticipo. No, noi vogliamo conquistare la fiducia del nostro pubblico domenica dopo domenica. E vedrete che ci riusciremo perché questa che vedete lì, sul campo, è una squadra di uomini, uomini veri, uomini seri».

Intanto la società giuliana ha ufficializzato alcuni ulteriori acquisti. Si tratta dell’attaccante marocchino Kabine Medhi (ex Altovicentino e Rimini), di Alessandro Degrassi (terzino del 1996 in prestito dalla Juventus dopo una stagione trascorsa a Padova), dell’attaccante Francesco Zottino (dalla Primavera della Virtus Entella), di Daniel Ciave (esterno triestino del 1997 in prestito dall’Udinese), del centrale della mediana Gianluca Migliorini (1996 girato dal Pordenone). (Foto Il Piccolo)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy