Domani al via gli Europei U21: Italia con tanti pezzi da “90”

Domani al via gli Europei U21: Italia con tanti pezzi da “90”

L’estate si tinge d’azzurro: l’Under 21 di Luigi Di Biagio sarà impegnata domenica alle 20.45 in Polonia per la prima gara contro la Danimarca

Commenta per primo!

Mentre impazzano le voci sul mercato o il destino di Ibra, il calcio il meglio di sé si prepara a darlo in Polonia, dove a partire da domani fino alla finale del prossimo 30 giugno, i fari verranno puntati sui Campionati europei Under 21. Dodici le squadre impegnate nel torneo per un’adunata di talenti da far venir l’acquolina a osservatori e procuratori di tutto il mondo: e se i primi nutrono la speranza di scovare il crack del futuro, Raiola e compagni invece, sognano ingaggi stellari per i loro assistiti in fasce. Giovani sì, ma già ricchi di talento e dunque di pretendenti. Quella polacca, allora, sarà un’edizione infarcita di gioielli, anche fra i nostri Azzurrini.

QUI ITALIA. L’imbarazzo della scelta, e che scelta per Gigi Di Biagio. Il tecnico della Nazionale U21 ha a sua disposizione una rosa come non la si

ROME, ITALY - JUNE 09: Marco Benassi of Italy looks on during the Italy U21 training session at Fulvio Bernardini sport center on June 9, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
ROME, ITALY – JUNE 09: Marco Benassi of Italy looks on during the Italy U21 training session at Fulvio Bernardini sport center on June 9, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

vedeva dal 1996, anno in cui i colori azzurri erano indossati da gente come Totti, Buffon, Nesta o Cannavaro. Allora il ct Maldini riuscì a condurre i suoi al titolo continentale, un po’ ciò in cui si spera per il team capitanato dal granata Marco Benassi. Insieme al centrocampista del Torino, la lista dei 23 convocati per la spedizione europea vanta elementi già arruolati dalla Nazionale maggiore e protagonisti nel campionato da poco giunto al termine.

In porta, oltre al friulano Simone Scuffet, titolare tra i pali nelle ultime gare giocate dalla sua Udinese, l’estremo difensore del Milan Gianluigi Donnarumma. Alle prese con le beghe da rinnovo emerse in questi ultimi giorni, il rossonero vorrà arrivare a una celere soluzione contrattuale così da togliersi ogni pensiero al riguardo in vista di un torneo nel quale dovrà essere lucido, la testa sgombra da pensieri nocivi. Completa il quadro portieri Alessio Cragno del neo-promosso Benevento.

I volti noti continuano nella linea arretrata, dove ai difensori di proprietà della Juventus Daniele Rugani e Mattia Caldara vanno ad aggiungersi Andrea Conti – compagno di Caldara nell’Atalanta dei miracoli – Alex Ferrari del Verona e l’esterno rossonero con 12 presenze stagionali in A Davide Calabria. Ma la retroguardia è anche Antonio Barreca – 28 apparizioni per lui col Torino in campionato – Davide Biraschi (Genoa) e Nicola Murru (Cagliari). Tutte pedine, insomma, con un discreto bagaglio di esperienza nel calcio che conta. Tecnica, sostanza e, perché no, pure qualche gol son garantiti a centrocampo da Roberto Gagliardini e Manuel Locatelli così come dal già citato Benassi. Poi il regista dell’Atalanta Alberto Grassi insieme a Danilo Cataldi (Genoa) e Lorenzo Pellegrini (Sassuolo). Guidano l’attacco le stelle in rampa di lancio Andrea Petagna e Federico Chiesa. Con loro due, altri bomber già affermatisi sul palcoscenico del campionato italiano: Domenico Berardi e il numero 10, al centro di continue voci di mercato, Federico Bernardeschi. Chiudono il reparto Alberto Cerri del Pescara e Luca Garritano del Cesena.

Quella che esordirà domenica – ore 20.45 – contro la Danimarca sarà allora un’Italia ricca di individualità ma al tempo stesso completa in ogni reparto. In poche parole, una delle possibili candidate al titolo. Primi ostacoli sulla strada verso il primato europeo le compagini che con gli azzurrini lotteranno per la vetta del Gruppo C: Danimarca, Repubblica Ceca e Germania. I tedeschi sono i principali indiziati per la conquista del titolo insieme alla Spagna di Deulofeu e Asensio – quest’ultimo in gol nella finale Champions vinta dal Real Madrid. Fa paura il centrocampista del Borussia M’Gladbach Mahmoud Dahoud, ma a farsi temere sono soprattutto i risultati con cui i teutonici si approcciano a questa competizione: 10 vittorie su 10 negli incontri di qualificazione. Gli eterni rivali di tante battaglie affronteranno l’Italia il 24 giugno; prima, il 21, la sfida alla Repubblica Ceca del bianconero Jakub Jankto e dell’ambito centravanti doriano Patrik Schick.

LA FORMULA. Quello di Polonia è il primo Europeo a 12 squadre. Tre i gironi, passano le prime più la miglior seconda. A sancire quest’ultima i punti ottenuti e, a parità di punti, si andranno a vedere differenza reti e gol fatti nelle diverse gare del gruppo. Il primo incontro si giocherà domani sera alle 18 tra i campioni in carica della Svezia e l’Inghilterra. Sede del match la Kolporter Arena di Kielce. La finale il 30 a Cracovia.

Questa la struttura dei tre gironi.

GRUPPO A
Inghilterra
Polonia
Slovacchia
Svezia

GRUPPO B
Macedonia
Portogallo
Serbia
Spagna

GRUPPO C
Repubblica Ceca
Danimarca
Germania
ITALIA

Simone Narduzzi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy