Colantuono: L’Atalanta si sarebbe salvata con chiunque

Colantuono: L’Atalanta si sarebbe salvata con chiunque

In conferenza stampa, quando è stato presentato come nuovo tecnico dell’Udinese, Stefano Colantuono aveva affermato che si era lasciato bene con l’Atalanta. In una intervista all’eco di Bergamo, però, si è tolto qualche sassolino:  «Quest’Atalanta si sarebbe salvata con Colantuono, con Reja, con Sartori, con Marino… Me ne sono andato con un +3 – potenzialmente 4 per via degli scontri diretti, dato poi rimasto identico a fine stagione. L’esonero?Io ho accettato la decisione senza fare polemiche per la stima che ho dei Percassi: operano per il bene dell’Atalanta. So che un esonero può portare a uno scossone importante».

All’attacco anche verso chi ha definito la sua Atlaanta difensifvista: «Il primo anno con me hanno giocato in 12 o 13… Tanti li abbiamo riscoperti e valorizzati, poi sono stati ceduti. Un lavoro straordinario. Quando l’estate scorsa c’è stata la possibilità di cedere Consigli posso dire tranquillamente che io e solo io ho detto: non mi serve un altro portiere, gioca Sportiello. Non erano tutti convinti. Per quanto riguarda il difensivisimo, rispondo con i numeri: 24 partite vinte in B, 6 di fila l’anno scorso. La miglior Atalanta con Denis, Maxi, Schelotto, Bonaventura, Cigarini contemporaneamente in campo…».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy