Handanovic: In porta grazie a mio cugino

Handanovic: In porta grazie a mio cugino

Samir Handanovic si racconta a InterNos con qualche aneddoto sul suo passato

Commenta per primo!

Consueto appuntamento del giovedì con InterNos. Stavolta, a rispondere alle domande dei fan attraverso i canali social di Inter Channel, c’è Samir Handanovic: “Se siamo primi in classifica è perché ognuno dà il suo contributo, dal portiere all’attaccante. Visti dalla porta? Siamo una squadra compatta“.

Una delle curiosità ha riguardato il ruolo, considerando che Samir, da bambino, aveva iniziato come giocatore di movimento: “Mio cugino giocava in porta e per questo ho provato anche io. Da ragazzino guardavo sempre Peter Schmeichel“.

Il clima di unità ed entusiasmo che si vive all’Inter in questo momento si riflette anche sul rapporto con i tifosi: “Mi trovo benissimo all’Inter, mi sento a casa. C’è un clima sereno, i tifosi ci lasciano tranquilli, c’è rispetto e lavoriamo con serenità. È normale che con i risultati i giudizi siano positivi, c’è una bella aria nell’ambiente e anche tra di noi compagni di squadra. Anche dopo Napoli, dove abbiamo fatto un grande secondo tempo, siamo rimasti ottimisti“.

Le prestazioni del numero 1 nerazzurro hanno infiammato i tifosi, che chiedono quale sia stato il salvataggio più spettacolare o quello a cui è più legato: “Le parate sono tutte importanti. Se devo scegliere la mia preferita fin qui dico quella di Bologna su Destro, nel finale“. (Inter.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy