La Questura di Frosinone in visita alla Dacia Arena

La Questura di Frosinone in visita alla Dacia Arena

Ieri il Gruppo di Lavoro per la Sicurezza dello stadio Casaleno ha svolto un sopralluogo all’impianto friulano

Commenta per primo!

La Dacia Arena oggetto di studio da parte della Questura di Frosinone. Nella giornata di ieri, in concomitanza della sosta del campionato di serie B, il Gruppo di lavoro per la Sicurezza dello stadio Casaleno, che sta collaborando con tutti gli enti interessati per la realizzazione dei lavori, anche ai fini della corretta attuazione delle norme in materia di ordine e sicurezza pubblica e che opera in stretto raccordo con l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, ha svolto un sopralluogo allo stadio Friuli. Obiettivo della “trasferta” della squadra, capitanata dal questore Filippo Santarelli e coordinata dal Primo Dirigente della Polizia di Stato Antonella Chiapparelli, dopo la tappa di Reggio Emilia nel novembre dello scorso anno, è stato l’esame dei sistemi di videosorveglianza, applicati alle esigenze legate alle operazioni di filtraggio ai tornelli e di sorveglianza aree esterne/interne dell’impianto; dell’operatività delle nuove tecnologie in linea con l’attuale normativa sugli impianti sportivi e della strutturazione del Gos. Questa verifica si è resa necessaria per valutare quali strategie potranno essere adottate per il Casaleno, futuro “Benito Stirpe”, a ricordo dello storico presidente dei Canarini, nonché padre dell’attuale patron del Frosinone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy