Iachini: “Con gli infortuni pagano gli allenatori”

Iachini: “Con gli infortuni pagano gli allenatori”

“Se ci sono degli infortuni, tu allenatore paghi dazio: sei obbligato a fare scelte diverse da quelle che avresti fatto, magari devi forzare delle situazioni. La scienza va avanti, anche noi ci aggiorniamo”

Commenta per primo!

Tanti, troppo infortuni in questa prima parte di stagione. All’Udinese se ne contano 10 e il Corriere dello Sport ha interpellato Beppe Iachini per chiedere una spiegazione:  “Se ci sono degli infortuni, tu allenatore paghi dazio: sei obbligato a fare scelte diverse da quelle che avresti fatto, magari devi forzare delle situazioni. La scienza va avanti, anche noi ci aggiorniamo: ci sono parametri e valori che possono darti un segnale d’allarme, per esempio i valori del ferro,  e allora ci si regola sull’utilizzo di certi giocatori. Sicuramente viviamo in simbiosi con lo staff medico per abbassare il rischio. Più infortuni hai, più è difficile centrare l’obiettivo, a meno che non hai una rosa ampia e di qualità elevata“.

A Udine la situazione era molto complicata:  “Ci sono costati molto. Cinque giocatori fuori, una squadra che cambia. Noie muscolari e articolari. Se penso a Samir che in amichevole sbatte sul palo e si fa male a un tendine. Ci si allena meno, si gioca di più e quindi si abbassano valori di potenza, forza muscolare. Non riesci a svolgere lavori propriocettivi che servono a prevenire gli infortuni“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy