Siamo a posto così. Anzi no. Arrivano gli ultimi botti di mercato?

Siamo a posto così. Anzi no. Arrivano gli ultimi botti di mercato?

Quel “siamo a posto così” dopo l’ultimo arrivo, quello del laterale destro Stryger Larsen, sta vacillando paurosamente

di Paolo Minotti

Pavoletti al Cagliari per 12 milioni è la vera beffa per i tifosi bianconeri in questo mercato estivo, e quando si parla di rispetto nei loro confronti, anche la società dovrebbe farsi un esamino di coscienza. Ma come ? Fino a pochi giorni fa era irraggiungibile, fuori dalla portata degli standard societari e poi te lo vedi andare in Sardegna dopo un’operazione semplice e rapida tra De Lauretiis e il presidente rossoblu Giulini? Assurdo.

Al di là che piaccia o non piaccia Pavoletti, di sicuro era uno pronto da mettere in campo, uno con una gran voglia di riscatto dopo l’inutile passaggio a Napoli, uno con una gran voglia di fare gol, quelli che ha sempre fatto e di cui l’Udinese ha bisogno come il pane. Poi, se si è deciso di puntare su Bajic o Perica va bene, ma allora fateli giocare.

Quel “siamo a posto così” dopo l’ultimo arrivo, quello del laterale destro Stryger Larsen, sta vacillando paurosamente dopo la sconfitta contro la Spal quando l’intera rosa è stata nuovamente messa in discussione, staff tecnico compreso, reo di non aver preparato adeguatamente la squadra. La voce più clamorosa comunque arriva dalle possibili partenze, infatti ci sarebbe l’interessamento della Sampdoria per Thereau, unico realizzatore nelle due sconfitte subite in campionato ma anche uno di quelli messo sul banco degli imputati dai tifosi. La cessione del francese porterebbe sicuramente all’acquisto di un nuovo attaccante, ma dopo aver “perso” Pavoletti, ecco che si intensificano le voci su Matri, che sembra rimanere al Sassuolo, e su Okaka, non troppo convinto di venire a Udine. Ma tranquilli abbiamo il via libera per Ohi Omoijuanfo. Dai che arrivano gli ultimi botti di mercato dell’Udinese…po no utu.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy