Udinese, il diktat: due per ruolo!

Udinese, il diktat: due per ruolo!

Beppe Iachini vorrebbe allenare una rosa con due giocatori per ruolo a cui attingere: inizialmente saranno molti di più, tra luglio e agosto la scrematura cercando di capire chi davvero può essere utile

Due per ruolo, questa è l’indicazione abbastanza ferrea che Iachini avrebbe dato al club per allestire la prossima rosa, ovviamente anche considerando le nuove regole. Il tutto per avere la giusta concorrenza interna, ma senza troppi esclusi che potrebbero diventare un problema alla lunga. Per questo l’Udinese è più attenta nella parte vendite in questa fase di mercato, più che in quella acquisti che, eventualmente,seguirà solo dopo.

DIFESA Wague recupererà solo per l’inizio del campionato dall’infortunio e se la dovrebbe giocare con Heurtaux (non è da escludere  infatti che rimanga) o Camigliano; Samir e probabilmente Angella come centrali (c’è da vendere però Danilo e non è escluso che anche lui rimanga); quindi Felipe e Coppolaro, che potrebbe giocarsi le sue chance di rimanere e Piris. Questi potrebbero essere i difensori iniziali, anche non è escluso che si vada a cercarne uno  con un po’ più esperienza in modo da poter dare a Camigliano o a Coppolaro la possibilità di andare a giocare in prestito per continuare a crescere.

CENTROCAMPO A destra dovrebbero esserci Edenilson e Foulquier (che può adattarsi anche a sinistra). Le  mezzali saranno invece Hallfredsson Guilherme, poi piacciono Valdifiori e Fofana (non è escluso che possa arrivare via Watford), ma anche Kone (che Iachini ha lanciato a Brescia) potrebbe tornare utile, così come potrebbe essere utile Verre che però ha molto mercato. In cabina di regia se la vedranno Lodi e Balic, mentre a sinistra è un rebus con Adnan e Armero, il quale quest’ultimo sembra difficile possa rimanere.

ATTACCO Thereau sembra più vicino all’Udinese che ad altre destinazioni, poi Hamdi, Matos e Perica sono per ora certi. Zapata e El Arabi si escludono a vicenda: la permanenza di uno prende la partenza dell’altro. Poi servirà un ultimo tassello che potrebbe essere Rovini oppure Borriello.

La rosa come vediamo è simile a quella scorsa, nessuna rivoluzione, ma tanta rivalutazione. Ma in base alle possibili partenze (Danilo, Badu, Fernandes, Widmer) ci potrebbero essere anche delle novità in arrivo, magari come contropartita.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy