Udinese, prima le uscite. I botti alla fine

Udinese, prima le uscite. I botti alla fine

Via al mercato con l’Udinese che, come le altre, aspetterà l’evolversi della situazione e il calare dei prezzi: in ballo un centrocampista e una punta. Piacciono Behrami e Quagliarella, Gabbiadini altro nome caldo, ma prima serve sistemare la rosa con alcune uscite.

Primo giorno reale di trattative in questo lungo mese di mercato: l’Udinese, probabilmente, effettuerà i colpi necessari alla fine, come tutte le squadre del resto.

Uno perché prima serve valutare attentamente l’impatto che avranno Guilherme e Zapata dopo essere tornati in gruppo, due perché prima di acquistare servirà necessariamente vendere, tre perché i giocatori in questo mercato costano e solo alla fine qualcosa si muoverà, quando il divario tra offerta e domanda si sarà livellato.

Insomma non ci si attenda un via col botto. Prima di tutto le uscite: Marquinho appare sempre più vicino al Torino, col quale si parlerà in parte di Fabio Quagliarella. Operazione non facile, ma che si potrebbe sbloccare se Cairo riuscirà  rimediare un paio di giocatori di valore.

Anche Kone piace al Toro, ma oggi come oggi il greco o convince Colantuono per cui rimarrà, oppure sembra prendere la via della Grecia, dove Stramaccioni lo attenderebbe al Panathinaikos.

Impossibile che l’Udinese si privi di Widmer, mentre rimangono aperti i ‘casi’ relativi a Heurtaux e Domizzi. Il primo piace alle romane, che però non si sono mosse concretamente ancora, il secondo sta valutando l’offerta del Pescara e che potrebbe accettarla se gli abruzzesi metteranno sul piatto un biennale.

Il primo colpo in entrata potrebbe essere, Valon Behrami, 31 anni il prossimo 19 aprile, per il quale il tecnico del Watford Sanchez Flores ha speso parole di stima, ma ha anche fatto intendere che non può avere il posto assicurato. A Udine però per giocarsela proprio con Guilherme.

Il discorso attaccante è, invece, apertissimo. Detto di Quagliarella, l’altro nome ‘caldo’ rimane quello di Gabbiadini (foto), che il Napoli potrebbe cedere (a peso d’oro, si dice 22 milioni) solo se prendesse Immobile (sogno proibito a Udine). Pozzo può giocarsi con De Laurentiis due carte però: Widmer e Zielinski per giugno 2016. Entrambi interessano al Napoli, l’Udinese potrebbe avere un forte sconto per l’attaccante, ma qui siamo ancora nel campo delle ipotesi di mercato.

 

Da sistemare anche Armero, che piace in Turchia al Besiktas. Insua finirà in Spagna, mentre Camigliano ha richieste dalla Serie B.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy