Udinese, un mercato fondato prima sulle uscite

Udinese, un mercato fondato prima sulle uscite

L’Udinese cerca rinforzi (non facili da reperire), ma prima di tutto deve cedere. Lodi, Heurtaux, Thereau, Aguirre, Edenilson (ma attenzione al rilancio per Widmer) sono i nomi ‘caldi’

Commenta per primo!

«Abbiamo fatto le nostre riflessioni e c’è la necessità di completare l’organico, così come c’è anche la necessità di sfoltire. Noi siamo vicini all’allenatore, respiriamo con lui le sensazioni e gli umori della squadra e per certi versi è un bene che i problemi si siano manifestati adesso. E noi dovremo sistemarli, tutti insieme»: così il ds Bonato al messaggero Veneto in merito alle prossime mosse di mercato che riguarderanno l’Udinese.

Prima di acquistare ci sarà da vendere. Lodi, Heurtaux, Thereau, Aguirre, Edenilson (ma attenzione al rilancio per Widmer) sono i nomi ‘caldi’ che potrebbero lasciare Udine. Ma prima ci devono essere offerte concrete.

Il Napoli dopo il nos da De Sciglio sta pensando a Widmer e per questo la trattativa col Genoa per Edenilson è in standby. Il Napoli però non vuole spendere 14 milioni e per questo torna di moda il nome di Valdifiori, che però il club azzurro non considera (ancora) cedibile anche se arriva Diawara.
Altro nome che piace per la media è quello di Viviani, ma anche in questo caso il verona per ora lo considera incedibile.

In avanti Thereau continua a piacere alla Samp, ma il prezzo fissato dall’Udinese è considerato alto. Se non parte una punta titolare difficilmente l’Udinese si muoverà per Lasagna, che il Carpi non vuole svendere e per il quale chiede 6 milioni.

In difesa Heurtaux è nel mirino del Bologna e in questo caso l’affare si potrebbe sbloccare per 5-6 milioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy