Udinese: Zapata in sede, martedì in campo

Udinese: Zapata in sede, martedì in campo

Commenta per primo!

Viva Zapata! Esclamazione che sa di liberazione: il giocatore colombiano è stato oggi nella sede bianconera per firmare il contratto che lo legherà per i prossimi due anni al club bianconero.

Già martedì il giocatore potrebbe scendere in campo per il primo allenamento con Stefano Colantuono, poi chissà che non venga convocato per la trasferta greca dove mercoledì l’Udinese affronterà il Panathinaikos.

LA SCHEDA
Duván Esteban Zapata Banguero è nato a Cali,  il 1º aprile 1991.

DA WIKIPEDIA
Gli inizi all’América de Cali
Duván Zapata viene acquistato nel 2004 dall’América de Cali, militando per cinque anni nella primavera del club di Cali. Nel 2008 trova spazio in prima squadra, esordendo il 18 maggio dello stesso anno durante la partita di campionato contro il Boyacá Chicó, conclusasi con la prima rete realizzata da calciatore professionista. Trascorre due anni con i Los diablos rojos dove colleziona in totale 65 partite di campionato e 8 gol segnati all’attivo, non sufficienti a evitare la retrocessione in Categoría Primera B della squadra.
Estudiantes
Nel 2011 passa in prestito all’Estudiantes. Debutta con la squadra biancorossa il 26 settembre in occasione dell’incontro con il Belgrano, entrando a partita in corso e segnando, dopo pochi minuti, la sua prima rete nella Primera División[ Dopo 5 gol segnati in 11 partite, il club di La Plata esercita l’opzione per l’acquisto del cartellino del calciatore, fino al 30 giugno 2013.[senza fonte]
Napoli
Il 24 agosto 2013, dopo essere stato vicinissimo al Sassuolo, viene ingaggiato dalla società italiana del Napoli, che lo acquista per 6 milioni di euro. Sceglie la maglia numero 91. In realtà prima del passaggio al Napoli vi è stato un vero e proprio contenzioso dal momento che il Sassuolo aveva dichiarato di detenere già il contratto firmato dal calciatore, che però in un secondo momento spinge per andare al Napoli. Così, alla fine il Sassuolo si convince a lasciare il giocatore al Napoli stracciando il contratto in suo possesso.

Esordisce in maglia azzurra e in Serie A il 28 settembre successivo alla sesta giornata nella gara esterna contro il Genoa, vinta 2-0 dai partenopei con una doppietta del macedone Goran Pandev. Tre giorni più tardi debutta anche in Champions League, nella gara giocata all’Emirates contro l’Arsenal. Il 22 ottobre 2013, nella terza giornata di Champions League, segna il primo gol in maglia azzurra allo Stade Vélodrome contro l’Olympique Marsiglia, dopo essere subentrato nel corso della gara a Gonzalo Higuaín. Realizza un gol nella partita di ottavi di finale di Europa League contro il Porto finita 2-2 che però non basta, e a passare è quest’ultimo. Realizza i primi gol in Serie A il 26 marzo 2014 nella vittoria esterna contro il Catania (4-2), nella quale mette a segno una doppietta. Nella prima stagione coi partenopei mette a segno 7 reti in 22 presenze.

Nella stagione 2014-2015, il colombiano parte inizialmente spesso dalla panchina. Il 24 settembre 2014, in occasione della terza giornata di campionato, segna il primo gol stagionale nella partita casalinga contro il Palermo (3-3). Nell’ultima gara della fase a gironi di Europa League contro lo Slovan Bratislava, segna il gol del definitivo 3-0 per i partenopei.

Nella partita giocata il 23 febbraio 2015, realizza il suo settimo goal in stagione con il Napoli ai danni del Sassuolo, che lo rende il colombiano con più reti segnate nella storia della squadra partenopea.

[interaction id=”55ad33f8da99a66f3d6f652d”]

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy