Zielinski-Liverpool, il matrimonio non s’ha da fare

Zielinski-Liverpool, il matrimonio non s’ha da fare

Troppo presto si è pensato che il matrimonio tra Liverpool e Zielinski si sarebbe consumato: invece ci sono almeno tre motivi per cui non si farà a meno di colpi di scena. Dal caso Sinclair alle promesse al Napoli

Commenta per primo!

Questo matrimonio non s’ha da fare! Il buon Piotr Zielinski ha anticipato un po’ troppo i tempi, indossando con degli amici la maglia del Liverpool. Del resto i numerosi colloqui con Jurgen Klopp lo avevano rassicurato. Ma come insegna il buon Giovanni Trapattoni, non dire gatto se non ce l’hai nel sacco.

Zielinski ha sottovalutato alcune cose: in primo luogo i rapporti tra Pozzo e il club del Merseyside non sono proprio idilliaci dopo che il Watford ha strappato ai Reds la giovane promessa Sinclair (paragonato a Gerrard). Un’operazione che finirà quasi certamente in tribunale, visto che il Liverpool vuole vedersi riconosciuto un rimborso per averlo valorizzato.

In secondo luogo, Pozzo si sa che non fa sconti sui suoi giocatori: 13 milioni è il prezzo per prendere Zielinski, troppi anche per le ricche casse inglesi per un giocatore che deve dimostrare ancora tutto.

In terzo luogo all’Udinese farebbe comodo darlo al Napoli, forse anche per qualche vecchia promessa. E farebbe comodo anche perché come contropartite la squadra di Sarri ne ha parecchie, da Valdifiori a Gabbiadini, operazioni che si incastrerebbero anche con quella di Zapata.

Per questo il Liverpool e Zielinski appaiono sempre più distanti. A meno di colpi di scena un matrimonio annunciato troppo presto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy