Primavera: Milan – Udinese 0-2 Bianconeri perfetti!

Primavera: Milan – Udinese 0-2 Bianconeri perfetti!

Commenta per primo!

A Milano, contro il Milan, comincia l’avventura in campionato per l’Udinese Primavera di Luca Mattiussi.

MILAN: Livieri; Zucchetti, De Santis, Mondonico, Bordi; Crociata, Gamarra, Locatelli; Hamadi, Vido, Vassallo. A disp.: Cancelli, Llamas, Spinelli, Malberti, Altare, Hadziosmanovic, Bianchimano, Agnero, El Hilali, Zanellato, Turano, Modic. All.:Brocchi

UDINESE: Perisan; Francescutti, Geromin, Maghzoui (Presello al 64′), Coppolaro, Paula da Silva, Magnino (Borgobello 87′), Pontisso, Prtajin, Armenkas (Matic 59′), Borgobello. A disp.: Dani, Presello, Mingione, Variola, Lenardi, Matic, Amoroso. All.: Mattiussi
AMMONITI Zucchetti, Mondonico, Locatelli, Francescutti, Pontisso
ESPULSI Zucchetti
MARCATORI Armenakas, Prtajin

PRIMO TEMPO –  3-5-2 per i bianconeri, 4-3-3 per i rossoneri di Christian Brocchi. Possesso palla per il Milan, Udinese impostata sulle ripartenze e chiusa molto bene, con un centrocampo di qualità e quantità.
Al 9′ Maghzoui si mette in evidenza con una bella chiusura su Hamadi: il pordenonese di nascita si sta mettendo in evidenza sulla destra, dopo le buone indicazioni date anche in prima squadra.
Friulani che controllano agevolmente, pur non riuscendo a creare vere occasioni nei primi minuti. Il Milan, tranne il giro palla, non mostra molto altro.
Al 20′ prima vera occasione con Joao che di testa manda a lato: ben smarcato il portoghese u calcio piazzato, è mancata la conclusione. Poco dopo è capitan Magnino con un tiro da fuori a fare venire i brividi a Brocchi.
Il gol è nell’aria ed è Armenakas a siglare la prima marcatura stagionale: palla persa dal Milan, azione in velocità dei friulani, l’australiano da fuori area trova la traiettoria giusta.
Al 28′ Milan in dieci uomini: Zucchetti ingenuamente perde palla, comete fallo: doppia ammonizione e rosso sacrosanto.
Ottima Udinese: disposizione tattica impeccabile, difesa attenta, centrocampo di qualità che sa inserire le punte, Prtajin e Armenakas che sanno come tenere in apprensione la difesa meneghina.
Al 36′ il Milan per la prima volta va al tiro, ma Crociata non ha la mira giusta e il pallone finisce ampiamente a lato.
Nient’altro da aggiungere sulla prima frazione: Milan che gioca decisamente male, Udinese che è in vantaggio meritatamente, aspettando e colpendo l’avversario.

SECONDO TEMPO –  via senza cambi, stessa falsariga del primo tempo, ovvero Milan che fa possesso palla, Udinese che controlla e gioca di contropiede.
Al 51′ ottimo lancio di Coppolaro che trova Geromin: aggancio perfetto, controllo e tiro, ma pallone che va sull’esterno della rete.
Al 56′ ancora Udinese: in velocità la manovra porta Prtajin al tiro, ma Livieri compie un miracolo.
Esce Armenakas, autore del go, per Marko Matic: tatticamente non cambia nulla, ma si cerca più freschezza in avanti. Al 64′ esce anche Maghzoui, generoso, per Presello: ance in questo caso non cambia l’aspetto tattico.
I friulani continuano a controllare, cala il ritmo, cala ulteriormente il Milan. L’Udinese sbaglia anche il raddoppio, quando Matic al 76′ potrebbe gestire meglio l’occasione, ma non riesce a superare il portiere uscito decisamente male.
Ma il gol è nell’aria anche nella ripresa e al minuto 89 Prtajin chiude la partita dopo una splendida cavalcata in contropiede.

Udinese perfetta e risultato giusto. C’è altro da dire? Sì, che la Primavera ha ricominciato da dove aveva terminato lo scorso campionato: vincendo. Cambiano gli uomini, ma la mentalità, le individualità, l’alchimia non mancano alla truppa di Mattiussi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy