“Blonde Power”, l’Udinese si regala un Natale speciale

“Blonde Power”, l’Udinese si regala un Natale speciale

Grazie alla doppietta di Barak e alle reti di Widmer e Lasagna, i bianconeri piegano per 4-0 l’Hellas Verona e volano a quota 24 punti in classifica

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Quanta Udinese contro il “disarmato” Verona. Quarto successo consecutivo per la formazione di Massimo Oddo che, dopo aver piegato Crotone, Benevento e Inter si impone anche contro l’Hellas Verona con un rotondo 4-0. A decidere il derby sempre particolarmente sentito da queste parti, sono stati le reti dei due biondi terribili, Antonin Barak (autore di una doppietta) e Silvan Widmer, ai quali si aggiunge la rete, a 10 minuti dal termine dell’incontro, del “solito” Kevin Lasagna, sempre a segno nelle ultime quattro giornate. Partita mai in discussione per Danilo & co., capaci di superare i veronesi sia sul piano fisico che tecnico, mostrando inoltre una convinzione e una coesione di squadra davvero importanti. Squadra sempre corta, agonismo e qualità individuali sono le chiavi della vittoria contro l’Hellas. E adesso, con 24 punti (e una gara da recuperare), l’Udinese può finalmente cominciare a guardare in alto. Miglior regalo di questo non ci poteva essere per i tifosi bianconeri.

CRONACA. Ancora senza Angella infortunato, mister Oddo opta per il tridente Udinese Calcio v Hellas Verona FC - Serie Adifensivo composto da Stryger Larsen, Danilo e Nuytinck. Nel mezzo Behrami torna titolare accanto a Barak (con Fofana in panchina), in avanti spazio alla coppia Maxi Lopez-Lasagna. Dopo un minuto e 15 secondi l’Udinese si registra la prima conclusione dell’incontro: azione imbastita sulla destra da Widmer, riceve Barak al centro dell’area, apre sulla sinistra per Jankto che vede libero Adnan: la conclusione dell’iracheno viene parata a terra da Nicolas. Al 15′ ottima progressione di Barak sulla sinistra che mette in mezzo per Lasagna che manca completamente la sfera. Sugli sviluppi il nazionale ceco recupera il pallone e conclude verso lo specchio: Nicolas para a terra senza grandi difficoltà. Al 19′ sugli sviluppi di un corner l’Udinese sfiora il vantaggio: colpo di testa di Widmer verso il centro, anche Lasagna devia di testa verso lo specchio e Nicolas para da distanza ravvicinata. I padroni di casa continuano a spingere: bella la triangolazione tra Barak, Jankto e Lopez che però non viene sfruttata al meglio dall’argentino, chiuso in corner da Souprayen. Al 23′ Behrami conquista una punizione a pochi passi dal limite dell’area grande gialloblu, posizione centrale. Sul punto di battuta si presenza Adnan che calcia di poco alto sopra la traversa. Al 28′ i bianconeri trovano il meritato vantaggio: cross dalla sinistra intercettato e tenuto in campo da Widmer che mette al centro dell’area per Barak che conclude sul primo palo (1-0). Al 44′ i bianconeri raddoppiano: Barak tenta la conclusione dalla distanza, Nicolas respinge corto, interviene prima Lasagna (che nell’occasione si infortuna e rimane a terra) e poi Widmer che scarica un destro che si infila nell’angolino destro alle spalle dell’estremo difensore gialloblu. Nella ripresa, non c’è più Kean: al suo posto Pazzini. Al 7′, però, è l’Udinese a sfiorare la terza rete: ripartenza sulla sinistra di Jankto che mette in mezzo per Maxi Lopez che conclude a botta sicura trovando però un ottimo Nicolas che con i piedi libera lo specchio. All’11’ Pecchia gioca la carta Lee Woo, mentre al 22′ Oddo richiama Behrami per inserire l’ex Hallfredsson. Un minuto dopo i friulani trovano il 3-0: dal fondo Widmer mette in mezzo, colpo di tacco di Lasagna per Barak che supera Nicolas con un rasoterra imprendibile. A chiudere definitivamente il match ci pensa Lasagna con una conclusione di potenza da dentro l’area che si infila sotto la traversa della porta difesa da Nicolas (4-0). Un minuto dopo Oddo esaurisce i cambi: fuori proprio Lasagna e Jankto, dentro, rispettivamente, De Paul e Balic. L’ultimo tentativo della gara porta la firma di Maxi Lopez che al 40′ tenta la conclusione a giro dal limite dell’area grande veronese: il pallone finisce di poco alto sopra l’incrocio. Ultima azione di un pomeriggio da ricordare. Auguri Udinese!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy