Bonato: “Ora dobbiamo far crescere chi ha reso meno”

Bonato: “Ora dobbiamo far crescere chi ha reso meno”

«In questo momento la nostra principale preoccupazione è quella di far crescere il livello dei giocatori che hanno reso meno. Solo tra un mese cominceremo a tirare le somme seguendo anche le indicazioni dell’allenatore»

Commenta per primo!

Il mercato è ancora lontano, il ds Bonato preferisce ‘esorcizzarlo’ subito: «In questo momento la nostra principale preoccupazione è quella di far crescere il livello dei giocatori che hanno reso meno. Solo tra un mese cominceremo a tirare le somme seguendo anche le indicazioni dell’allenatore», ha detto al Messaggero Veneto il direttore sportivo dell’Udinese.

Quale nome circola però, come quello di Marco Ilaimaharitra, centrocampista francese di 21 anni: «È uno dei tanti giocatori che stiamo monitorando, ma non significa che arriverà in Friuli. Lo stiamo seguendo non più e non meno di tanti altri».

Intanto meglio pensare a quello che si ha in casa: «Ci sono anche molti giocatori che non ha ancora potuto pesare. Penso a Peñaranda ma anche a Ewandro sui quali puntiamo molto. Poi è chiaro che quando ci riuniremo ci darà cosa occorre per quelli che ormai sembrano i due moduli che intende proporre, ovvero il 4-3-3- e il 4-2-3-1».

Intanto l’Udinese convince: «La squadra ha un atteggiamento diverso, più dinamico, più propositivo. C’è un’idea di gioco diversa che è stata apprezzata dalla gente e che piace anche alla squadra. Il secondo tempo con il Torino deve essere il nostro punto di riferimento: si sta creando empatia tra a squadra e il pubblico, il Friuli deve diventare come Marassi per il Genoa. Io dico che dobbiamo pensare a proseguire il nostro percorso di crescita concentrandoci su una gara alla volta. Nelle ultime cinque partite siamo riusciti ad aggiungere sempre una nuova qualità e questo lo considero un aspetto molto importante».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy