Felipe: “Il futuro? Ho un contratto, ma devo valutare”

Felipe: “Il futuro? Ho un contratto, ma devo valutare”

Il difensore, presente alla festa bianconera organizzata dall’Auc al ristorante Belvedere di Tricesimo, ha parlato della stagione appena conclusa (“è stata una delle stagioni più difficili”) e della prossima: “Prima di prendere qualsiasi decisione, devo incontrare la società”

In alto i calici. Al termine di una stagione travagliata e molto più complicata del previsto, l’Udinese ha deciso di festeggiare l’agognata salvezza assieme ai suoi tifosi, veri protagonisti di questa annata. Questa sera, dunque, il ristorante Belvedere di Tricesimo ha ospitato il Galà bianconero organizzato dall’Associazione Udinese club, al quale hanno partecipato dirigenti, staff tecnico e squadra al gran completo (uniche eccezioni Molla Wague che domani dovrà operarsi alla spalla per l’infortunio subito a Bergamo e Antonio Di Natale che si sta preparando ai saluti finali in programma domenica). Tra i calciatori più acclamati dagli oltre 600 supporters bianconeri Emmanuel Badu, Bruno Fernandes e Felipe Dalbello, considerato da sempre un friulano doc. Proprio il brasiliano ha parlato della stagione appena conclusa e non solo.

Felipe, questa è stata una delle salvezze più sofferte della recente storia bianconera…

Sì, è vero. Ho vissuto tanti anni a Udine e un anno così difficile non mi era mai capitato, mi fa rabbia. Vederela stima e l’affetto che ha dimostrato la gente nei confronti della squadra, proprio in un’annata tanto storta, mi fa davvero piacere. Sono contento di essere qui con loro questa sera, sono belle iniziative, mi sembrava strano che questa tradizione si fosse interrotta. Si tratta di momenti importanti.

Qual è stato il momento più alto e quello più basso della stagione?

Il momento più bello è stato la vittoria contro il Napoli, perchè venivamo da un momento difficile. E’ stato un successo inaspettato contro la squadra che, secondo me, esprime il miglior gioco in Italia. Il momento più basso… direi le sconfitte con Juventus e Torino. Ce ne sono anche altre, come quella Palermo, a Carpi… Difficili da spiegare.

Ultima domanda: adesso si parla molto di “rifondazione”. L’Udinese ripartirà da Felipe?

Io ho un contratto di due anni. Sono venuto qui più che volentieri, sono venuto incontro alle richieste perchè avevo la possibilità di tornare a casa, però dovremo sederci a parlare per il futuro. Ho un contratto, ripeto, però dobbiamo parlare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy