Udinese, cominciano i test veri. La garanzia per ora è Iachini

Udinese, cominciano i test veri. La garanzia per ora è Iachini

Si comincia a fare sul serio, l’Udinese in Austria si appresta a un doppio test contro i russi del Krasnodar e, domenica, contro l’Olimpia Berlino

Inizia il tempo dei test veri per l’Udinese, quelli che dovranno dare una scrematura definitiva alla rosa. Non attendiamoci però una rivoluzione. Dei nuovi arrivati per adesso sono tre a giocarsi la maglia di titolare: Angella in difesa, Fofana a centrocampo e Peñaranda (che arriverà la prossima settimana) in attacco.

Il loro ingresso, però, necessariamente prevede qualche taglio importante: è difficile pensare che uno tra Danilo e Felipe accetti la panchina per tutta la stagione (o quasi), idem Fernandes e Kone a centrocampo e Thereau in attacco.

Tra questi nomi qualcuno se ne andrà e saranno proprio i prossimi test a dire a Iachini chi è più adatto (e motivato) per rimanere.
La prima gara sabato 16 alle 16:30a Seeboden contro i russi del Krasnodar. Domenica a Villaco, con inizio alle 17, contro l’Union Berlin  seconda divisione tedesca.

Iachini, che farà allenare al mattino la squadra al “Bruseschi” porterà con sé tutti gli elementi disponibili,  tranne gli acciaccati Wague e Musavu King e Fernandes che si metterà a disposizione della sua nazionale olimpica.

Certamente non sarà un’Udinese troppo diversa da quella dell’anno corso: certamente se il tecnico marchigiano riuscirà a compattare lo spogliatoio, la missione salvezza sarà più facile, ma intanto rimangono tanti punti interrogativi.

Sulle fasce in primis: con la difesa a tre diventano fondamentali, ma per ora, ci sono solo Edenilson e  Armero  titolari (anche se Widmer potrebbe rimanere). Ma anche in avanti rimangono punti interrogativi: sulla continuità di Zapata, ma anche sull’apporto che potrà dare un giovane diciannovenne che con la Serie A non si è mai cimentato.

I primi test in Austria non diranno molto se non le prime indicazioni sui movimenti e i ruoli: poi la squadra si trasferirà lontano adocchi indiscreti, a  Bad Bleiberg. Qui comincerà il lavoro vero e i prossimi test daranno risposte più certe. L’Udinese così com’è oggi appare ancora troppo simile a quella passata, serve qualche intuizione, qualche apporto nuovo che non destabilizzi lo spogliatoio, serve soprattutto trovare una quadratura del cerchio e uomini gol. Iachini è uomo di campo e che lavora incessantemente: la garanzia per ora è lui.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy