Pozzo: “Delneri? Per me è la soluzione ideale “

Pozzo: “Delneri? Per me è la soluzione ideale “

«Da una ventina d’anni le scelte tecniche della società sono di competenza di mio figlio. Quindi la mancanza di risultati delle ultime stagioni non è la conseguenza di un mio disimpegno dalla società»

Commenta per primo!

E’ tornato a parlare della sua Udinese. Giampaolo Pozzo non è di certo contento di come il campionato è cominciato. Anzi. «Da una ventina d’anni le scelte tecniche della società sono di competenza di mio figlio. Quindi la mancanza di risultati delle ultime stagioni non è la conseguenza di un mio disimpegno dalla società», specifica al Messaggero Veneto dopo che più di qualcuno auspicava un suo, nuovo, maggiore impegno.  «Io mi sono occupato di altro. La costruzione dello stadio, per esempio. Poi, quando mi hanno chiesto di dare una mano in alcune scelte, non mi sono tirato indietro, ma ripeto le scelte tecniche, anche quando siamo andati in Champions, sono state di Gino. Sulle sue capacità sono sereno e tranquillo».

«Qualcosa cambierà a livello di staff societario. Mio figlio sta operando in questo senso anche perchè non può fare tutto da solo. La classifica dice che qualcosa non va. In una azienda la salute la vedi innanzitutto dal bilancio, mentre in una squadra prima di tutto viene la classifica e noi ultimamente non siamo stati dove vogliamo», ha poi aggiunto ancora il Paron. «Quando si sbaglia bisogna riconoscere gli errori, non solo a livello di panchina ma anche di squadra. I nostri criteri di scelta sono gli stessi di sempre, ma evidentemente qualcosa non è andato per il verso giusto».

Infine sui cori che lo invitano a spendere afferma che  « rientra nel folclore del tifo. Va accettato. Che poi si faccia nella stagione in cui abbiamo acquistato di più e meglio rispetto al recente passato è una coincidenza. Delneri? Per me è la soluzione ideale e sono felice che Gino l’abbia fatta. É appena arrivato, bisogna dargli tempo per valutare bene i giocatori. E comunque sia chiara una cosa: l’abbiamo preso perchè è bravo non perchè è friulano. L’ho sentito al telefono, apprezza la rosa e ha le idee ben chiare. Siamo stati fortunati a trovare libero sul mercato un allenatore così. Ho letto quello che ha dichiarato Corradi e condivido appieno: i giocatori devono seguirlo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy