Stadio Friuli: agibilità per la Curva Sud, capienza a 25 mila posti

Stadio Friuli: agibilità per la Curva Sud, capienza a 25 mila posti

Curva Sud: parere positivo della CPV, lo Stadio Friuli apre i battenti con tutti i settori

Commenta per primo!

Un altro passo importante, decisivo anche se apparentemente scontato, è stato compiuto: la Commissione Provinciale di Vigilanza Pubblico Spettacolo ha dato il parere favorevole alla concessione dell’agibilità della Curva Sud e di conseguenza dell’intero stadio per la capienza totale di 25.000 spettatori.

Come previsto, questa mattina i componenti della Commissione, presieduta dal Viceprefetto Vicario Gloria Allegretto, hanno effettuato l’ispezione del nuovo settore prima di riunirsi per la stesura e la firma del verbale.

Il lavoro è stato lungo e intenso, ma con oggi è arrivato il parere sull’agibilità della Commissione Pubblici spettacoli per una capienza di 25mila spettatori, quindi questo è un giorno determinante perchè è ufficiale: con l’Atalanta sarà aperto il setore ospiti, con la Juve tutti i 25 mila posti“, ha affermato a Udinese Tv Alberto Rigotto, direttore amministrativo dell’Udinese.  “Oggi è davvero una giornata storica, l’applauso liberatorio al tavolo al momento delle firme è stato l’emblema di quanto sia stato difficile portare a termine questo lavoro“.

In realtà – prosegue Rigotto – ci sono ancora dei passaggi successivi e tanti altri lavori da realizzare, perché come ben sappiamo il progetto del nuovo stadio non si fermerà soltanto alla parte sportiva. La capienza sarà di 25.000 spettatori, lo possiamo annunciare: nella partita con l’Atalanta sarà aperta la parte dedicata agli ospiti, nella gara con la Juventus ci sarà la disponibilità totale dello stadio. In alcuni momenti questo percorso è sembrato una guerra, ma alla fine ci sono state più gioie che dolori. Abbiamo avuto una grandissima collaborazione da parte di tutti, questo progetto dimostra come in Italia, a normative vigenti, se c’è la volontà da parte di tutti di raggiungere un obiettivo, allora si può fare. Abbiamo la presunzione di dire che questo può essere un modello per tutto il paese. E’ un risultato ottenuto grazie ad una grande società, al sindaco, e al nostro patron Gianpaolo Pozzo che è stato così determinato, così testardo, da riuscire a far superare qualsiasi tipo di difficoltà. 

Non dimentichiamoci che l’altro grandissimo risultato ottenuto è stato quello di giocare in un cantiere in corso. E qui va un ringraziamento davvero forte alle forze dell’ordine, alla questura, al questore, al gos e a tutti coloro che hanno contributo a rendere questo possibile. Abbiamo costruito lo stadio in poco tempo è vero. Ma se immaginate che abbiamo iniziato a pensare alla ristrutturazione dello stadio nel 2006 e ora siamo nel 2016, sotto questo punto di vista il percorso è stato molto lungo.

Come riporta il sito del club bianconero, per la gara del 6 gennaio contro l’Atalanta il Settore Ospiti sarà disponibile ad accogliere i tifosi della squadra avversaria. Successivamente il 17 gennaio, la Curva Sud sarà interamente disponibile.

Oltre alla presidente Allegretto, erano presenti per la commissione il Sindaco di Udine Furio Honsell, il Vicequestore Salvatore Campagnolo (Questura), il Vicecomandante dei Vigili Del Fuoco Sergio Benedetti,  Valdi De Micheli (servizio edilizia Regione FVG), Roberto De Poi (Esperto in materie elettriche), Paolo Visintin (Azienda Sanitaria nr. 4), Gianni Rossetti (Coni FVG), Enrico Acanfora e Giuseppe Cardella (Rappresentanti dei lavoratori dello spettacolo). Per il Comune di Udine presente anche l’Ing. Marco Disnan. In rappresentanza dell’Udinese hanno partecipato alla riunione il Direttore Generale Franco Collavino, il Project Manager e Direttore Amministrativo Alberto Rigotto, il Direttore dei lavori Stefano Costantini, l’avvocato Andrea Franchin, gli ingegneri Massimiliano Travagnini, Giampaolo Proscia e Andrea Sava e il Geometra Marco Colautti. Per la Lega Serie A presente l’ingegner Carlo Longhi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy