Tavian: La differenza verrà dalle motivazioni non dai moduli

Tavian: La differenza verrà dalle motivazioni non dai moduli

Commenta per primo!

Marco Tavian, allenatore e apprezzato opinionista a Udinese Channel ha anticipato le mosse tattiche che ci potremo attendere in Bologna-Udinese: “I rossoblu giocano con un 4-3-3 che diventa 4-4-2-1 con Munier e Brienza dietro l’unica punta: loro sono da considerare pericolosi soprattutto in avanti, mentre in difesa concedono spesso qualcosa. Hanno tre punti anche loro, giocano in casa, mi aspetto una reazione: non possono sbagliare come l’Udinese del resto. Per cui sarà davvero una partita da battaglia”.

La differenza quindi da cosa sarà data?
“La differenza sarà solo nelle motivazioni, i moduli possono aiutare, ma non ci sono numeri determinanti in queste occasioni. Credo che l’Udinese deve per forza cambiare il trend negativo, non si può più perdere. Il 4-3-1-2 della ripresa col Milan mi è piaciuto, quelli più di qualità sono davanti e non rinuncerei mai a questi giocatori. Thereau si trova meglio tra le linee, lo ha dimostrato. Con lui farei giocare Zapata e Di natale davanti. Ovviamente bisogna vedere come starà Totò: vero che ha giocato con l’Empoli e col Milan, ma se lui se la sente io non lo terrei fuori. Marquinho con Thereau e Zapata, invece, sarebbe più ‘sperimentale’ in una occasione importante”

Il resto della formazione come dovrebbe essere?
“Dipende dalla forma fisica. Iturra è più geometrico rispetto a Badu che gioca più di foga. Il cileno col trequartista potrebbe dare il la all’azione. In difesa concederei certamente una chance a Pasquale. A destra ci sono Edenilson, Piris, e Widmer se recupera: non ci sono tanti problemi da questa parte, con il brasiliano che spinge di più e gli altri due più difensivi. Cime centrali da capire come sta Danilo, ma Wague e Domizzi sono pronti”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy