Thereau e la partita dell’anno

Thereau e la partita dell’anno

Per Thereau nonostante i problemi dell’Udinese, questa può diventare la sua stagione migliore. Contro la sua ex squadra ha già segnato due reti all’andata, ora cerca quella più pesante, quella che potrebbe significare salvezza

Udinese-Chievo sarà anche la partita di Cyril Thereau.  Monsieur in questa stagione tribolata per l’Udinese, paradossalmente ha l’opportunità di ottenere il suo miglior rendimento. Nove gol e tre assist per lui più uno in Coppa Italia. L’anno scorso si era fermato a dieci centri in campionato, il suo record è di 11 nel Chievo 2012/13.

128 sono state le presenze con i clivensi, 30 reti e 10 assist complessivamente.

Quest’anno, come detto, è fermo a quota 9, ma con De Canio è tornato più vicino alla porta, anche se i suoi compiti svariano su tutto il fronte offensivo e anche più indietro. La sua posizione col Napoli è stata emblematica: andava a difendere sui portatori di palla partenopei, diventando di fatto il primo argine. Un sacrificio che è stato ripagato con la migliore prestazione sua da quando è in Friuli, e di tutta l’Udinese. E con un gol pesantissimo.

Ma Thereau è anche leader oramai nello spogliatoio. “Qui si deve tirare fuori le palle” disse dopo il ko col Genoa. Non è uno che si tira indietro il francese. E non lo farà nemmeno contro la sua ex squadra. E’ stato il primo che davvero ha fiutato il pericolo quest’anno, del resto è uno dei pochi che sa cosa significa davvero la lotta salvezza, avendola affrontata proprio con la maglia del Chievo. Col quale ci ha già giocato contro tre volte, andando a segno anche in due occasioni (all’andata, quando l’Udinese di Colantuono espugnò il Bentegodi 3-2 e mai si sarebbe pensato che a fine stagione si sarebbe trovato a 10 punti di distanza proprio dalla squadra di Maran a 6 gare dalla fine).

Opta

Schermata 2016-04-15 alle 04.09.14

Thereau e l’Udinese vogliono accorciare le distanze domenica: per limare un distacco davvero impietoso e per arrivare alla salvezza. Tirando fuori gli attributi e la prestazione, con Thereau al fianco di Zapata. Col Chievo l’Udinese si gioca una fetta di salvezza: vincere significherebbe rimanere virtualmente in A, non farcela costringerebbe a guardare gli altri. Intanto il francese ha scaldato i motori nella partitella del giovedì andando a segno: per prendere la mira e magari essere lui l’uomo chiave contro i clivensi. Del resto in queste occasioni, come lui dice, serve gente con le palle.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy