Udinese a Cagliari senza Di Natale, ma l’attenzione è altrove

Udinese a Cagliari senza Di Natale, ma l’attenzione è altrove

Cagliari-Udinese si giocherà con l’interesse che può suscitare un’amichevole di fine stagione: diciamolo, trovare una motivazione che non sia l’onore personale in questa partita è complicato. Sardi retrocessi e proiettati al futuro, con festa e Conti alla gara d’addio. Friulani salvi e proiettati al futuro, con Stramaccioni alla gara d’addio.

Andrea+Stramaccioni+Udinese+Calcio+v+Cagliari+77vdJHjbA2Ul
Strama alla gara d’addio
Manca del resto solo l’ufficialità (arriverà la prossima settimana), ma oramai tutti sanno che il tecnico romano sarà avvicendato in panchina da Stefano Colantuono. Una decisione maturata nell’ultima settimana, l’ultima sconfitta interna col Sassuolo ha lasciato evidentemente cicatrici profonde. STRAMA- DI NATALE Non è bastato il lavoro fatto in prospettiva, la proprietà ha deciso che non  è opportuno continuare. Probabilmente però non bastano gli ultimi risultati a spiegare la situazione: continuano a circolare voci su dissidi con alcuni elementi dello spogliatoio, soprattutto salta all’occhio la conferma di Di Natale (arriverà presto ufficialmente) contemporaneamente all’addio di Strama. Ci sono anche alcuni indizi a riguardo: martedì a una festa di beneficenza c’era il tecnico ma non il capitano. Mercoledì alla festa dell’AUC c’era il capitano (che ha invitato a riempire lo stadio nuovo), ma non lo staff. Proprio mercoledì, del resto, è parso chiaro a tutti che il dado era stato tratto. Tanto che da quel momento è calato il silenzio più assoluto, tanto che ovviamente anche la conferenza stampa pre gara è stata annullata. Del resto sarebbe stato mandare ulteriormente al patibolo l’allenatore davanti ai giornalisti che di Cagliari-Udinese avrebbero chiesto sì e no come sta Di Natale, per il resto sarebbero state domande a raffica su quanto accaduto. Non sarebbe stato opportuno, elegante. Anche perché Strama, al di là dei risultati, ha dovuto affrontare una stagione non facile costellata da errori sul mercato, infortuni, episodi vari. Certamente ha sbagliato anche lui, come tutti, ma il lavoro in prospettiva sembrava confortante. COLANTUONO NON STUZZICA Il calcio va così però da sempre. Ora c’è il futuro, che tra l’altro non sembra piacere ‘a pelle’ a più di qualche tifoso: leggendo i commenti sui social network non tutti i tifosi hanno avallato la scelta fatta, ma soprattutto la maggior parte sostiene che se si doveva cambiare il nome da prendere doveva essere un altro. Insomma, Colantuono non stuzzica la fantasia, starà a lui dimostrare il contrario. Per carità massima fiducia e sostegno sia chiaro, però il nome che più piaceva sarebbe stato quello di Sarri, seguito da Di Francesco e Donadoni. L’ULTIMA GARA In  questo clima si incastra l’ultima a Cagliari, dove – come da consuetudine in quest’annata – la parola ‘emergenza‘ è compagna di viaggio dei bianconeri. Mancheranno Guilherme e Kone squalificati, ma la lista degli assenti è lunghissima: Hallberg, Heurtaux, Domizzi, Evangelista, Allan, Pinzi, Karnezis e per ultimo Di Natale che si è allenato parte e non dovrebbe essere convocato. Largo al 4-4-2 per ovviare alle assenze, ci saranno anche dei Primavera pronti al lancio: proprio il lavoro con i giovani è stato forse l’elemento di spicco di quest’anno: Meret, Pontisso, Bochniewicz con tutta probabilità saranno nella rosa futura (anche in virtù dei nuovo regolamenti), ma saranno il frutto anche della crescita avuta quest’anno grazie a quanto fatto da Luca Mattiussi e Andrea Stramaccioni che li ha sempre cercati di portare ad allenarsi con la prima squadra. PROBABILI FORMAZIONI Cagliari (4-3-1-2): 44 Brkic, 21 Balzano, 37 Diakitè, 15 Rossettini, 3 Murru, 18 Barella, 5 Conti, 16 Dessena, 40 Mpoku, 9 Longo, 25 Sau. (27 Cragno, 2 Gonzalez, 8 Avelar, 4 Crisetig, 10 Joao Pedro, 22 Husbauer, 13 Caio Rangel, 90 Cop). All.: Festa. Squalificati: nessuno. Diffidati: Gonzalez, Sau, Farias, Ceppitelli, Ekdal. Indisponibili: Colombi, Pisano, Capuano, Ceppitelli, Ekdal, Cossu, Farias. Udinese (4-4-2): 22 Scuffet; 89 Piris, 5 Danilo, 18 Bubnjic, 34 Gabriel Silva; 27 Widmer, 2 Wague, 8 Bruno Fernandes, 7 Badu; 77 Thereau, 9 Perica (A disp. 97 Meret, 26 Pasquale, 15 Bochniewicz, 49 Pontisso, 94 Aguirre, 27 Geijo). All. Stramaccioni Indisponibili: Hallberg, Heurtaux, Domizzi, Evangelista, Allan, Pinzi, Karnezis, Di Natale Squalificati: Guilherme, Kone Diffidati: Thereau, Wague, Pinzi, Piris Arbitro: Manganiello di Pinerolo COLANTUONO: LA SCELTA GISTA? [wpdevart_poll id=”2″ theme=”16″]

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy