Udinese, dove eravamo rimasti?

Udinese, dove eravamo rimasti?

Riparte il campionato, l’Udinese di Oddo chiamata a ottenere la vittoria contro la Spal per continuare a stupire e a sognare

di Massimo Liva

Si riparte, dopo le meritate ferie Oddo e i suoi ragazzi hanno ripreso a lavorare duramente per cercare di riprendere da dove ci eravamo lasciati e cioè dal pareggio ottenuto in casa del Chievo, pareggio che ha permesso ai bianconeri di allungare la striscia positiva di risultati che da quando è arrivato Oddo sono diventati entusiasmanti.

Le cinque vittorie consecutive hanno rilanciato alla grande l’Udinese e tutto l’ambiente, l’entusiasmo che si percepisce in questo periodo è evidente ed era tempo che a Udine non accadeva questo. Dei meriti del nuovo mister si è già parlato abbondantemente, ora che la trasformazione è avvenuta sia a livello tattico che mentale l’Udinese ha il diritto e il dovere di pensare in grande, ovviamente con realismo e la giusta dose di umiltà.

Pensare in grande non significa essere sicuri di andare in Europa ma vuol dire essere consapevoli delle proprie qualità, ora tutti aspettano i bianconeri al varco perchè conoscono il valore di squadra e tecnico e quindi è da adesso in poi che l’Udinese dovrà dimostrare di aver fatto realmente quel salto di qualità mentale necessario per ottenere grandi risultati.

Le parole di Oddo durante la settimana, nei pre e nei post partita fanno capire bene lo spirito del tecnico che è quello di non accontentarsi mai e di puntare sempre al massimo qualsiasi sia l’avversario che l’Udinese si trovi di fronte, che si chiami Juve o che si chiami Benevento i suoi giocatori possiedono le qualità per ottenere in entrambi i casi i tre punti, ragionare in questo modo non significa essere presuntuosi ma essere dei vincenti, è diverso.

Già domenica pomeriggio contro la Spal ci sarà da soffrire, l’avversario sarà motivato e rinnovato anche negli interpreti, l’Udinese dovrà farsi trovare pronta per continuare a risalire la classifica che ora si fa particolarmente interessante perchè permette ai bianconeri di coltivare sogni europei anche se è presto per sbilanciarsi in tal senso. La sosta rappresenta spesso un incognita, la sensazione prevalente è che l’Udinese sentisse proprio il bisogno di tirare il fiato dopo la straordinaria striscia di cinque vittorie consecutive e un pareggio ma solo il campo ci darà delle risposte e ci dirà se davvero la sosta è stata utile per riacquistare le energie o se magari sarebbe stato meglio non fermarsi sulle ali dell’entusiasmo.

Saranno giorni impegnativi per Oddo e i suoi giocatori, dopo la Spal ci sarà il recupero contro la Lazio a Roma per poi affrontare il Genoa sempre in trasferta. Prove difficili ma che ci faranno capire ancora meglio se ha ragione chi sostiene che l’Udinese possa tranquillamente avere delle ambizioni europee o se invece abbia ragione chi mantiene un profilo basso valutando quella bianconera una squadra da salvezza tranquilla e niente di più. La nostra impressione è che l’Udinese di Oddo possa far tornare a sognare i tifosi friulani, la strada è quella giusta, ora sarà il campo a darci ulteriori risposte.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy