Udinese, quale formazione a Verona?

Udinese, quale formazione a Verona?

Davanti a Gino Pozzo la ripresa degli allenamenti: ma la formazione per Verona rimane un rebus

di Redazione

C’era anche Gino Pozzo ad assistere alla prima seduta settimanale dell’Udinese di Tudor che contro Verona e Bologna si giocherà la Serie A.
Intanto tiene banco lo stato della squadra che dal nuovo tecnico non ha ricevuto ancora un’impronta definita. Il  croato, tranne spostare il trequartista dietro a Lasagna, ha lasciato praticamente intatta la squadra, tenendo in campo anche giocatori palesemente fuori forma mentale e fisica.
LA domanda che molti si pongono è come mai a Napoli Oddo propose un undici con novità significative che fece molto bene contro una formazione da scudetto, per poi tornare indietro col Crotone (che gli costò la panchina), e con il neo arrivato che non ha messo mano su questo aspetto. Anche se arrivato da poco le statistiche di rendimento di questi elementi (Samir, Behrami, Widmer, Adnan, De Paul su tutti) sono sotto gli occhi anche dei tifosi che non comprendono certe scelte.

Vedremo aVerona che accadrà. La squadra che non riesce a uscire dal complicato momento degli ultimi mesi ha svolto una seduta incentrata sulla parte fisica, con i calciatori bianconeri che si sono alternati tra vari esercizi di corsa e partitella poi finale.

Tudor ha diviso la squadra in due gruppi, con Lasagna, Pezzella, Pontisso, Zampano, Barak, Maxi Lopez, Fofana e Jankto da una parte e Widmer, Hallfredsson, Nuytinck, Ingelsson, Balic, Larsen, Perica, Ali Adnan dall’altra con Danilo e De Paul. Per quanto riguarda l’infermeria dall’infermeria: oltre al lungodegente Angella, oggi non si sono allenati né Samir né Behrami. Da valutare, dunque, i loro recuperi in vista della gara di Verona.

Nelle 17 gare disputate nel 2018 la squadra guidata prima da Oddo e ora da Tudor ha raccolto appena 7 punti. Nessuno in Europa ha fatto peggio dell’Udinese che ora vuole solo chiudere questa brutta stagione per poi ripartire nella prossima annata. E guai a sottovalutare il Verona: due anni fa fu l’Udinese a spingerla in B, oggi nel derby i gialloblu vorranno salutare la massima serie davanti al loro pubblico magari trascinando con loro i rivali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy