Udinese, tutti i dubbi di De Canio per l’ultima. Di Natale dalla ripresa

Udinese, tutti i dubbi di De Canio per l’ultima. Di Natale dalla ripresa

Di Natale e Domizzi dovrebbero entrare nel finale, Pasquale dall’inizio. Ma al di là di questo non mancano i dubbi per De Canio. La sua Udinese potrebbe cambiare radicalmente volto col Carpi

Commenta per primo!

La gara con il Carpi per l’Udinese non è solo festa. De Canio non vuole lasciare nulla al caso, sa che la sua eventuale conferma potrebbe passare proprio anche dalla gestione di una partita senza motivazioni di classifica. Il tecnico sa anche che il cambio sto va onorato per non lasciare strascichi polemici sempre in agguato in questi casi e che lascerebbero un’ulteriore ombra sulla stagione bianconera. Inoltre anche un piazzamento che non sia la quartultima posizione potrebbe aiutare a rendere meno amara la pillola ingoiata quest’anno.

Le scelte sulla formazione non sono scontate. La sensazione è che Di Natale giocherà gli ultimi 20 minuti, in tempo per la standing ovation finale. Lo stesso potrebbe valere per Maurizio Domizzi, mentre a giocare dal primo minuto dovrebbe essere Giovanni Pasquale.

Questo per quanto riguarda i tre senatori. Poi le altre scelte De Canio le pondererà tra sabato e domenica. In difesa non sembrano esserci dubbi su Piris, Danilo e Felipe. In mediana Widmer a destra, poi Badu, Lodi e Fernandes, oltre al già citato Pasquale. In avanti Thereau e Zapata.

Ma attenzione, perché la vera rivoluzione potrebbe riguardare  il modulo: De Canio ha fatto provare molto un 4-3-3 ‘sporco’ con Fernandes dietro le punte. Potrebbe essere una soluzione con Widmer e Pasquale bassi e con Danilo e Felipe in mezzo in difesa, per cui a lascare spazio sarebbe Piris. In mediana a quel punto ci sarebbero Badu, Hallfredsson e Lodi.

E Balic e Meret? Il croato potrebbe prendere il posto di Lodi, ma molto dipenderà dalle sostituzioni che sono già programmate e quello che riserverà la gara. Per il portiere meno problemi, essendo una sostituzione ‘in più’ che si può sfruttare. Ma c’è anche la possibilità concreta che Meret giochi dal primo minuto, raccogliendo simbolicamente l’eredità da Karnezis anche in chiave futura.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy