I voti dei quotidiani all’Udinese

I voti dei quotidiani all’Udinese

I voti all’Udinese da parte dei tre quotidiani sportivi nazionali e dei due quotidiani locali

Commenta per primo!

I voti dei quotidiani sportivi e dei due locali alla prestazione dell’Udinese:

CORSPORT
WAGUE 6,5 – Ha fatto bene da terzino e da centrale.
ALI’ ADNAN 6,5 – E’ un cavallone, non s’è smentito.
COLANTUONO 6,5 – Il suo destino era appeso a questa sfida, ne è uscito salvo.
HEURTAUX 6 – E’ entrato per risistemare la difesa, l’ha tenuta chiusa.
KARNEZIS 6 – Ci ha messo una manona dopo un assalto di Candreva, in uscita ha arpionato o respinto ogni pallone.
EDENILSON 6 – Non ha dato campo a Keita, s’è sacrificato da terzino.
BADU 6 – Non s’è fermato mai. Scintille con il compagno Thereau
PIRIS 6 – Ha lavorato il doppio con l’Udinese in 10.
LODI 6 – Con lui il centrocampo ha respirato di più
KUZMANOVIC 6 – Un gol annullato, tantissima corsa
FERNANDES 6 – E’ entrato bene, s’è messo subito a lottare
THEREAU 5,5 – Ha fatto il centravanti quando Colantuono ha richiamato Zapata
ZAPATA 5,5 – Poco assistito, ma anche pochissimo in giornata
GUILHERME 5,5 – Regia senza luci
DANILO 4 – Espulso per follia. Ha puntato Djordjevic, l’ha steso dopo avergli camminato addosso.

TUTTOSPORT
KARNEZIS 6 Sempre attento.
WAGUE 5.5 Soffre un po’.
DANILO 4 Due gialli ingenui.
PIRIS 6 Poco preciso, ma limita i danni.
EDENILSON 6 Una buona partita, senza acuti.
BADU 7 Corre, aggredisce e gioca.
GUILHERME 5 Un sacco di errori. Lodi (14’st) 6.5 Meglio con lui.
KUZMANOVIC 6 Esordio non negativo: segna pure, ma c’è un fuorigioco di Edenilson. Fernandes (24’st) 6 Dà il suo contributo.
ADNAN 6 Qualche buona incursione.
THEREAU 6 Un po’ nervoso, ma utile soprattutto con la squadra in 10.
ZAPATA 5 Prima da titolare: non ha mai il guizzo e l’occasione giusti. Heurtaux (9’st) 6 Si scalda per mercoledì.
ALL. COLANTUONO 6 Voleva una reazione, in qualche modo è arrivata.

GAZZETTA
BADU 6,5: C’è il passaggio indietro che causa il rosso a Danilo, ma poi in 10 corre e chiude anche per gli altri. Bravo a calmare Thereau che rischia il secondo giallo.
KARNEZIS 6 – La Lazio accerchia i suoi, ma quasi non arrivano tiri.
WAGUE 6 – Fuori di poco un suo colpo di testa. Dietro regge. Ammonito, sarà squalificato.
DANILO 5 – Non finisce il primo tempo per il doppio giallo. Il primo cercato, il secondo involontario.
PIRIS 6 – Duella spesso con Milinkovic sul centro sinistra, pochi errori.
EDENILSON 6 – Ritorno a destra per far rifiatare Widmer, sale nel primo tempo, soffre nell’inferiorità.
GUILHERME 5 – Perde 5 palloni nei primi 20 minuti, arriva a 10 errori su 25 passaggi.
LODI 6 – Dà più ordine alla resistenza dell’Udinese.
KUZMANOVIC 6 – Terzo debutto italiano dopo Fiorentina e Inter. Non così spaesato come si temeva.
B. FERNANDES 6 – Dà il cambio a Kuzmanovic, poche occasioni per farsi notare.
ADNAN 5 – Seconda da titolare nelle ultime 11 uscite, patisce Candreva.
D. ZAPATA 5 – Non era titolare dal 27 settembre scorso, sembra ancora indietro.
HEURTAUX 6 – Deve rinforzare la difesa dopo il rosso a Danilo: ci riesce.
THEREAU 6 – Impegnato in tre ruoli, spaventa Berisha nel finale.
ALL. COLANTUONO 6 – Vista la situazione, il pari in inferiorità numerica sembra quasi una vittoria.

MESSAGGERO VENETO
6 karnezis Nonostante l’Udinese giochi per più di un tempo in inferiorità numerica, non deve compiere più parate del suo collega. L’intervento migliore lo confeziona al 38’ respingendo il tiro cross di Candreva. A inizio ripresa tempestivo quando esce sui piedi di Matri. la squadra lo protegge bene.
6,5 Wague L’entrata su Keita che converge verso il centro e che gli costa l’ammonizione e la conseguente squalifica, poteva risparmiarsela. Di fatto questa è l’unica macchia di una partita per il resto all’altezza della situazione. Edenilson lo aiuta nel raddoppio di Keita, ha la possibilità di incornare in porta da buona posizione ma la mira è infelice.
4 DANILO Il leader della difesa per la seconda gara consecutiva in casa resta in campo meno di un tempo. Con la Juve era arrivato il rosso diretto per il fallo da rigore su Mandzukic, ieri il doppio giallo. Il secondo è imprevedibile, il primo assolutamente da evitare. Che senso aveva andare a litigare con Djordjevic che protestava per la mancata concessione di un rigore? Flessione preoccupante la sua. 6,5 PIRIS Scende in campo al posto dell’acciaccato Felipe e come d’incanto riecco il “soldatino” concentrato e applicato che avevamo ammirato nella passata stagione. Il paraguayano non sbaglia un intervento che sia uno, si muove a proprio agio sia come centrale di sinistra nella difesa a tre sia quando Colantuono a inizio ripresa opta per la linea a quattro.
6 EDENILSON Provvidenziale l’intervento quasi sulla linea di porta con il pallone che ballonzola davanti alla porta friulana. Aveva cominciato con una progressione sulla destra e un cross destinato a Thereau e fallito per pochi centimetri. Sorpreso da Konko che per sua fortuna sfiora il palo.
7 Badu Decisamente il migliore in campo. Il clima da battaglia esalta lo spirito guerriero del ghanese che a un certo punto si mette a litigare anche con Thereau che non la smette di protestare con l’arbitro. Nell’unico contropiede piazzata dalla Lazio nella ripresa è lui a chiudere provvidenzialmente su Keita e ha pure la gamba per ripartire nonostante l’inferiorità numerica.
5 GUILHERME I numeri dei primi 14’ sono impietosi: 5 palle perse, di cui una pericolosissima regala a Keita. Da agosto a oggi aveva nelle gambe solo il primo tempo di Coppa Italia sempre con la Lazio, Colantuono si è preso un grosso rischio schierandolo titolare. Calcia bene un paio di punizioni, improbabile il tentativo di segnare da oltre 70 metri.
6 KUZMANOVIC Segna in posizione regolare un gol facile facile, peccato che in fuorigioco ci sia Edenilson. In caso contrario il suo sarebbe stato un esordio da ricordare. Considerando che erano due mesi esatti che non giocava la prima è stata confortante. Da qui in avanti può solo che crescere.
6 ADNAN Gli errori continuano a essere ancora troppi, specialmente in fase difensiva: troppo spesso è messo male con i piedi quando Candreva lo punta. É con l’impegno e con il cuore si guadagna la sufficienza. Un paio di rinvii sbilenchi sono proprio brutti da vedere.
6 Thereau Non sfodera una di quelle prestazioni con le quali aveva concluso il 2015, però gli va dato atto di combattere specialmente quando rimane solo là davanti. E nel finale per poco non confeziona l’assolo decisivo.
5,5 ZAPATA Prima da titolare dal 27 settembre. Fatica a carburare, ma prima o poi andava gettato nella mischia dall’inizio. Vale lo stesso discorso fatto per Kuzmanovic: da qui in avanti può solo migliorare.
6,5 HEURTAUX Colantuono lo inserisce al posto di Zapata per coprirsi un po’, lui lo ripaga con un prestazione attenta e puntigliosa. Messaggio confortante in vista di Empoli, mercato permettendo.
6,5 LODI Prende il posto di Guilherme e l’Udinese come d’incanto comincia a gestire un po’ palla. Rinunciare a lui non è sembrata una grande idea. 6 Bruno fernandes Entra con lo spirito giusto. Colantuono lo preferisce a Kone e questa mossa sa tanto di preferenza: cedetemi il greco non lui.

IL GAZZETTINO

KARNEZIS 6 – Un solo intervento su tiro di Candreva che è riuscito a deviare d’istinto.
WAGUE 6,5 – Un mastino, rapido, cattivo quanto basta, abile nel gioco aereo. Peccato che, ammonito per fallo su Djordjevic in occasione del suo unico errore nel primo tempo, salterà la trasferta di Empoli .
DANILO 5 – Deve darsi una calmata. Ormai per lui, 32 anni, non ci sono alibi. Ancora una volta espulso per una doppia ammonizione che poteva benissimo essere evitata soprattut- to quella all’inizio per un battibecco con Djordjevic.
PIRIS 6 – Un lottatore mai domo. E dalla sua parte c’era l’avversario più difficile, Candreva.
EDENILSON 6,5 – Ha iniziato nel modo migliore recuperando palloni, creando gioco, chiudendo gli spazi, ha tirato fuori gli artigli quando la squadra si è trovata in inferiorità numerica, poi ha inevitabilmente pagato dazio a così tanta generosità. BADU 6,5 – Si è riscattato dopo le ultime opache prestazioni. Giocatore ovunque, un lottatore, anzi uomo squadra.
GUILHERME 5 – Lento e impacciato. Stonato anche nell’esecu- zione di un paio di calci di punizioni. Evidentemente è ancora arrugginito dopo quattro mesi di inattività.
(14’st) LODI 6 – Qualche buon ricamo. Probabilmente con lui in campo dall’inizio avremmo visto un’altra Udinese, ma non esiste la controprova).
KUZMANOVIC 6 – Un buon inizio per personalità, per come ha recuperato palloni, per come si è inserito in zona gol riuscendo anche ad andare a bersaglio su assist di Edenilson che era in posizione di fuori gioco. Ben presto, come era prevedibile, ha speso tutte le energie . (dal 24’st) FERNADES 6 – Un paio di buoni spunti.
ALI ADNAN 6 – Quanto ha corso! Inevitabilmente ha sbagliato oltre il lecito.
THEREAU 6 – Tra i più nervosi. Ha rischiato l’espulsione all’inizio dopo aver vibrata mente protestato per il gol annullato a Kuzmanovic. Poi si è calmato, a tratti si è visto il miglior Thereau, anche quando da solo ha fatto attacco.
ZAPATA 5 – Non è bastata la volontà e la sua fisicità, La difesa laziale sistematicamente ha disinnescato i suoi tentativi di agire in profondità. Poi è stato sostituito perché sulle gambe non ha ancora i 90′.(dal 9’st) HEURTAUX 6 – Dimostra di essere recuperato dopo essere rimasto a lungo out
All. COLANTUONO 6,5 – Stavolta gli va dato merito di aver preparato bene la sfida, tatticamente e dal punto di vista mentale. Il suo capolavoro lo ha compiuto quando i bianconeri hanno dovuto lottare in inferiorità numerica. La ragnatela da lui preparata nella tre quarti dell’Udinese ha impedito alla Lazio di avvicinarsi con pericolosità verso Karnezis.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy