Udinese: le pagelle e i voti dei quotidiani sportivi e locali

Udinese: le pagelle e i voti dei quotidiani sportivi e locali

I giudizi e i voti da pare dei quotidiani ai bianconeri dopo il ko con l’Inter

Commenta per primo!

GAZZETTA

KARNEZIS IL PEGGIORE 5 – Reagisce tardi alla conclusione dell’1-1 di Perisic e non la cancella, nonostante sia piazzato sul primo palo. Nella ripresa regala anche un assist a Joao Mario, lo salva Widmer.
WIDMER 5,5 – La parata sul portoghese è la cosa migliore; patisce Perisic, resta a metà strada sull’1-1 e guarda con Fofana il 2-1. Finisce anche all’ospedale.
DANILO 6 – Spesso ben piazzato, tiene alla larga gli interisti dal cuore dell’area. Anche lui non è troppo deciso nel pareggio e lascia il passaggio a Icardi.
FELIPE 6 – Ha misure ed esperienza adatti a fermare Icardi. Va anche di anticipo, non stringe a dovere nella scena dell1-1 ma prima di lui c’è Widmer.
SAMIR 6,5 – Quinta volta consecutiva da titolare, merita la fiducia del tecnico con un bel primo tempo nel quale costruisce la rete del vantaggio.
FOFANA 5,5 – Accoppiato a Kondogbia anche da alcuni buu dalla tribune , fa volare Handanovic ma poi cala. Lascia saltare Perisic sul 2-1, chiude male la linea.
KUMS 6 – Toglie il respiro a Banega, anche se perde un paio di palloni pericolosi: 11 tra recuperi e intercetti. Cambio fisico appena entra Joao Mario.
JANKTO IL MIGLIORE 7 – Primo gol in casa, lui che aveva già segnato alla Juventus, e parecchie altre possibilità per raddoppiare. Da interno semina Brozovic: è l’attaccante migliore dell’Udinese.
DE PAUL 6 – Ancora senza reti in campionato, ci va molto vicino quando prende il palo del possibile 2-0. Più fiacco nella ripresa, viene sostituito.
ZAPATA 6 – Se valesse soltanto il lavoro, sarebbe da applaudire, però anche precisione e puntualità incidono sui giudizi. E lui tira male, fra cross e sportellate.
THEREAU 5,5 – Un problema al ginocchio lo condiziona, galleggia tra fascia e centro fino al cambio. Delneri ammette che si aspettava il colpo di genio, non arriva.
HALLFREDSSON 6 – Dentro al posto di Kums, si mette davanti alla difesa per limitare Joao Mario. Un paio di rinvii vigorosi e una svista.
PERICA 5,5 – Poco tempo in attacco al posto di De Paul, proprio quando l’Inter non regala più occasioni in mezzo all’area.
MATOS S.V. – Prende il posto di Thereau dal 35′ della ripresa, si mette largo senza poter influire sulla partita.
DELNERI – Tra 4-3-3 e 4-1-4-1 senza palla, trova aggressioni e occasioni ma senza cinismo. Quando vede il calo, cambia qualche pedina e posizione (anche 4-4-2) prende gol su calcio fermo.

CORSPORT

JANKTO 7 – Prova sontuosa con incursioni, cross, contrasti, corsa e il gol dell’1-0, il secondo in A e il primo alla Dacia Arena.
SAMIR 6,5 – Metà dell’1-0 è suo perchè la discesa con assist per Jankto è da applausi. Recupera e riparte con continuità.
WIDMER 6 – Prima di andare in ospedale per un colpo alla testa, salva un gol già fatto. Ma contro Perisic è dura.
HALLFREDSSON 6 – Porta muscoli e forze fresche ad una Udinese che sta ripiegando
DE PAUL 6 – A destra non è a suo agio come quando fa il trequartista. Timbra comunque un palo e si dà da fare.
ZAPATA 6 – Lotta, subisce falli, arriva alla conclusione e spesso fa reparto da solo. Pericoloso.
DELNERI 6 – La sua Udinese è disposta bene in campo e gioca un calcio fluido ma non è concreta e viene punita.
KUMS 5,5 – Deve controllare Banega e lo fa bene, vincendo diversi duelli, ma in fase di impostazione si vede poco.
FOFANA 5,5 –  Primo tempo promettente e con incursioni e un tiro pericoloso. Poi però cala e perde Perisic che firma il 2-1.
PERICA 5,5 – Va a fare la guerra..sui palloni alti. Non incide.
DANILO 5,5 – Mostra un buon senso della posizione, ma Icardi nell’azione dell’1-1 lo manda fuori giri.
KARNEZIS 5 – Il tiro dell’1-1 è una rasoiata, ma sul suo palo e lui è in ritardo. Incerto in uscita.
THEREAU 5 – Ha un ginocchio non a posto, e si vede. Lontano dai suoi standard.
FELIPE 5 – E’ in ritardo sull’1-1 e non sembra a suo agio contro la sua ex squadra.

TUTTOSPORT

KARNEZIS 5 – Balbettante in uscita, per nulla reattivo sull’1-1 di Perisic.
WIDMER 6 – Agguanta la sufficienza solo per il gol salvato su Joao Mario a porta vuota (38′). Lo svizzero a fine gara ha preso una gomitata sulla fronte. In ospedale gli è stato diagnosticato un trauma cranico non commotivo.
DANILO 5,5 – Sull’1-1 Icardi gli va via con troppa facilità: considerando che quella è stata l’unica volta in cui si è visto l’argentino
FELIPE 5 – Non riesce a chiudere su Perisic in occasione del primo gol.
SAMIR 6,5 – Si inventa l’azione dell’1-0 con una discesa da slalomista. A corredo mette la museruola a Candreva. Applausi.
KUMS 6 – Francobolla Banega e dà copertura alla difesa.
HALLFREDSSON 5,5 – Non fa cambiare marcia all’Udinese
DE PAUL 6 – Nel primo tempo colpisce un palo e fa tante altre cose buone, finisce però presto la benzina.
PERICA 5 – Mai pericoloso.
FOFANA 6 – Mette alla frusta Handanovic e semina il panico con la sua velocità. Mezzo voto in meno perchè sul 2-1 c’è proprio lui su Perisic.
JANKTO 7 – Fa gol e mette i brividi ad Handanovic con un gran diagonale. E a inizio ripresa, da una palla scippata a Kondogbia, nasce l’occasionissima del 2-1 che Zapata spreca.
THEREAU 5,5 – Non sta bene e, finchè ne ha, è lodevole per spirito di sacrificio. Davanti, però, punge poco.
MATOS N.G
ZAPATA 6 – Lotta come un toro tra gli interisti, creando non poco scompiglio. Al tiro, però, fa regolarmente cilecca.
DELNERI 6 – L’Udinese meriterebbe almeno il pari per quanto fatto nei primi 45′. Sciagurata l’idea di stoppare quel pallone ormai fuori dal campo in pieno recupero: non avesse affrettato improvvidamente la rimessa in gioco, forse non sarebbe arrivato l’1-1.

MESSAGGERO VENETO

KARNEZIS 5 –  Non festeggia nel modo migliore la consegna della zebretta d’oro. Inoperoso per tutto il primo tempo, non ha il riflesso che ti aspetteresti sulla girata di Perisic che lo sorprende sul primo palo. Non bello da vedere nemmeno nell’uscita da cui scaturisce la pericolosa conclusione di Joao Mario. Giornata-no, un po’ come lo scorso anno al Friuli contro la Juve.
WIDMER 5,5 – Ha un leggero concorso di colpa nell’azione che decide la partita, ma, appunto, leggero. Per il resto aveva disputato una partita ricca di forza, corsa e attenzione. Pochi gli spazi concessi a Perisic e poi, quando Joao Mario calcia in porta, è lui a respingere in spaccata la conclusione del portoghese ritardando di qualche minuto il colpo del ko.
DANILO 6 – Se Icardi non riesca a effettuare nemmeno un tiro verso la porta bianconera qualche merito è sicuramente anche suo. Nell’azione del pareggio esce sull’argentino e forse gli lascia un po’ troppo spazio per effettuare il cross. Su corner di Jankto non gli riesce l’incornata vincente anche perchè è ostacolato da un compagno. Nel finale si getta in area avversaria e reclama un rigore che non sembra proprio esserci.
FELIPE 6 – Idem come sopra. Rispetto al compagno è ancora più pulito nelle chiusure e negli anticipi. Forse poteva leggere in anticipo la traiettoria di Icardi per Perisic e chiudere sul croato, ma non era una situazione semplice.
SAMIR 7 – Da una sua percussione nasce la rete di Jankto. Intraprendente nel prendere palla, saltare due avversari e servire il compagno nello spazio. Candreva non lo impensierisce praticamente mai e infatti l’azzurro cerca di accentrarsi per trovare un po’ di gloria. Nel finale si mangia due volte in velocità Icardi. Sta diventando una sicurezza.
FOFANA 5,5 – Avvio brillante con quel destro che costringe Handanovic al primo intervento della sua domenica. Intraprendente per tutto il primo tempo, nella ripresa si vede poco. Costretto a stendere Eder in contropiede, poi va in area e ci mette del suo nel pasticcio del gol di Perisic.
KUMS 6,5 – Per intensità, è stata la sua miglior prestazione da quando indossa la maglia bianconera. In fase di contrasto è molto più cattivo e determinato e vince a mani basse il duello con Banega, mentre soffre un po’ quando entra Joao Mario.
JANKTO 7 – Segna un gol da urlo per come si inserisce e come calcia sul palo lungo. Poco dopo ne sfiora una seconda da posizione più defilata. Quando cambia marcia, nessun interista riesce a stargli dietro. Sua la percussione centrale conclusa con lo scarico per Zapata. I suoi calci d’angolo e le sue punizioni tengono sempre in ansia portiere e difesa avversaria.
DE PAUL 6 – La miglior partita da esterno destro per continuità e applicazione. Sta imparando a difendere e poi sul traversone di Zapata è bravo a tagliare sul primo palo e sfortunato a colpire il palo con l’esterno destro.
ZAPATA 5,5 – Per la mole di gioca e per quanto lotta sarebbe da sufficienza abbondante, poi, però, bisogna anche fare i conti con gli errori che commette sottoporta e qui, purtroppo, non ci siamo. Quando Jankto lo mette davanti ad Handanovic, lui calcia di sinistro sull’esterno della rete. E’ uno dei tanti episodi su cui gira la partita.
THEREAU 5,5 – Primo tempo discreto. Con un numero da funambolo riesce a liberarsi di D’Ambrosio, poi nel momento di confezionare l’assist commette un leggero fallo e l’arbitro fischia. Cerca di cucire il gioco un po’ dovunque.Il cambio alla fine è inevitabile.
HALLFREDSSON 6 – Prende il posto di Kums per dare ulteriore sostanza alla mediana. Nella sostanza non demerita, perde un brutto pallone e impegna Handanovic con un tiro-cross.
PERICA 5,5 – Va a unirsi a Thereau e Zapata, ma la formula con le tre torri non funziona granchè. Nell’assalto finale fa a sportellate ma con scarsi risultati.
MATOS S.V – Prende il posto di Thereau a 10 minuti dalla fine.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy