Il Calcioscommesse sui quotidiani sportivi

Il Calcioscommesse sui quotidiani sportivi

Commenta per primo!

La vicenda ‘Calcioscommesse’ tiene banco su tutti i quotidiani sportivi, ovviamente Screenshot 2015-07-08 05.14.12La Gazzetta dello Sport scrive: Uno spettro si aggira negli uffici della Procura federale diretta da Stefano Palazzi. Ha il nome di una squadra: l’Atalanta. Già trascinata nel 2011 dal suo capitano Cristiano Doni per la combine con il Piacenza, ora torna negli atti del pm Di Martino con due partite, sempre del 2011, contro Crotone e Ascoli. Quest’ultima, citata nella richiesta di rinvio a giudizio di Marilungo, già coinvolto e assolto per Padova-Atalanta. Il coinvolgimento dell’Atalanta – secondo la Rosea  – non sarebbe diretto, ma per «responsabilità oggettiva», come già accaduto nel 2011. Doni, stavolta, avrebbe tirato dentro anche Stefano Colantuono, ex tecnico nerazzurro oggi sulla panchina dell’Udinese: pure per lui chiesto il rinvio a giudizio, che invece ha risparmiato l’ex d.s. Zamagna. Colantuono, che anche ieri ha dichiarato la sua estraneità e la disponibilità a chiarire al più presto la sua posizione, verrebbe chiamato in causa da Doni in una chat, pur senza essere nominato.  Sul Corriere dello Sport titolo cubitale e analisi dettagliata.  L’associazione a delinquere è stata contestata a una cinquantina di indagati, ma non, per esempio, a Milanetto e all’ex presidente del Siena, Mezzaroma, che se la sono… cavata con il concorso in frode sportiva (l’ex genoano per Lazio-Genoa 4-2 del 14 maggio 2011). Stesso capo d’accusa per il neo tecnico dell’Udinese, Stefano Colantuono, chiamato in causa per Crotone-Atalanta 2-2 del 22 aprile 2011 da una chat tra Doni e Santoni. Per quest’ultima gara destino diverso (archiviazione) per il ds atalantino Zamagna, ma escono dal procedimento senza conseguenze penali altri 22. Infine Tuttosport: Conte non è l’unico nome invischiato nell’inchiesta. Chi invece non ha mai subito un processo sportivo è l’attuale tecnico dell’Udinese, Stefano Colantuono, il quale viene rinviato a giudizio per frode sportiva per la presunta combine di Crotone-Atalanta del 2012. Una presunta combine che non era emersa in tre anni di indagini sportive e penali. Anche per Colantuono, che si dice ancora “estraneo”, ora c’è il rischio di un’inchiesta sportiva. Infatti, lo stesso Palazzi ha chiesto anche il materiale relativo all’ex tecnico dell’Atalanta. Se dall’eventuale inchiesta sportiva dovesse emergere un suo coinvolgimento, rischia anche lui il deferimento.  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy