Il Gazzettino: “Devi spendere”, la voce dalla Curva

Il Gazzettino: “Devi spendere”, la voce dalla Curva

Commenta per primo!

L’analisi de Il Gazzettino alla sconfitta dell’Udinese con l’Empoli.

«Devi spendere, devi spendere». Voce dalla curva, pianto del Friuli, popolo parsimonioso ma non in difetto di intelligenza. Ma è un grido postumo, quello che si leva dalla nord che scende a strapiombo dietro la porta di Karnezis, quella appena violata da “Big Mac” Maccarone.
Spendere adesso non si può, ci si deve tenere questa Udinese qui almeno fino a gennaio. E i margini di miglioramento sono sottili come un foglio di carta. Stefano Colantuono potrà lavorare su tre aspetti: modulo, mentalità e autostima. La qualità non potrà inventarsela, perché quella si compra. Ce l’ha il Watford, ma gioca a Vicarage Road. Un po’ lontano dai Rizzi e dalla passione bianconera. Ma la terza sconfitta di fila non basta a Colantuono per tirare giù la testa e parlare di debacle. Dispiacere inevitabile, ma il tecnico punta ancora a salvare il salvabile. «Peccato – attacca – perché il primo tempo avevamo giocato davvero bene. L’Empoli è una squadra che quando vuole riesce a metterti in seria difficoltà, mentre invece noi eravamo partiti alla grande, attaccando alti la palla e portando un buon pressing. Poi avevamo anche trovato il gol abbastanza presto, quello che volevamo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy