Messaggero: Adani: “senza Zapata serve la fantasia”

Messaggero: Adani: “senza Zapata serve la fantasia”

Daniele Adani analizza il momento dell’Udinese attraverso il Messaggero Veneto.

«Purtroppo il piano A è saltato, adesso bisogna lavorare su quello B»: Daniele Adani, voce – ascoltatissima – di Sky, mette l’Udinese sul proprio “navigatore tattico” e cerca di uscire a parole dalle secche di un ruolino di marcia a dir poco scoraggiante per i bianconeri, quello che inquadra il rendimento interno, allo stadio Friuli. Un autentico disastro nell’ultimo anno, un rischio vero e proprio per una squadra che punta prima di tutto alla salvezza. «La società Udinese aveva cercato di risolvere il problema acquistando Zapata, ma l’infortunio del colombiano ha complicato i piani di Colantuono che adesso dovrà trovare un’altra soluzione per scardinare le difese avversarie, soprattutto in casa: credo che punterà su un uomo di raccordo in grado di fornire più fantasia all’attacco, l’ha già fatto capire a Verona».
(…) Ecco perché Bruno Fernandes ha l’occasione per farci vedere che è un giovane di prospettiva». Il portoghese è uno da seguire, corre, si sacrifica, lotta, ma non si capisce ancora quale è il suo ruolo. «Ecco il punto. Deve capire che il trequartista è un lusso e quindi deve ripagare il proprio allenatore con moneta sonante: assist e gol. Altrimenti è meglio che si metta a fare la mezz’ala, dove però c’è bisogno di più prestanza fisica». Torniamo alle delusioni dell’ultimo anno al Friuli: crede che Di Natale sia condizionante? «Totò è il perché dei tanti successi dell’Udinese negli scorsi anni. È una virtù, ma deve essere accompagnato da soluzioni che possano esaltarne le doti che ancora ci sono: io vedo che sui rimbalzi in area arriva sempre per primo, ma se lo fai indietreggiare, impostare il gioco o rincorrere l’avversario, diventa impossibile per lui essere lucido anche in area». 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy