Messaggero Veneto: L’Udinese aspetta il boom

Messaggero Veneto: L’Udinese aspetta il boom

Il match col Napoli apre la volata finale del 2016: scatta l’ora di Peñaranda

Commenta per primo!

Apertura del Messaggero Veneto con Peñaranda.

Abile e arruolato. Oddio, alla convocazione per l’anticipo di sabato contro il Napoli penserà domani Delneri, di sicuro gli impegni sudamericani hanno riconsegnato un Adalberto Peñaranda capace di recitare da titolare nell’ultimo inpegno del Venezuela nelle qualificazioni mondiali della Conmebol, una partita che ha fatto segnare l’ennesima sconfitta della Vinotinto, stavolta in secco 3-0 per mano dell’Ecuador. Il 19enne, reduce da un acciacco persistente alla caviglia, è stato schierato a sinistra nel 4-5-1 dei venezuelani, praticamente nel ruolo che Gigi da Aquileia ha ritagliato qui per Cyril Thereau. Dura scalzare il francese, autentico asso nella manica dell’Udinese da un mese a questa parte, ma il “talento” di El Vigia deve provarci, forte anche delle parole dello stesso tecnico friulano: «Non ho scordato Peñaranda, al suo rientro farà bene, ne sono certo».
(…) L’importante, in chiave bianconera, è che il venezuelano abbia finalmente recuperato. Al rientro Delneri soppeserà il grado di stanchezza per eventualmente utilizzarlo a partita in corso. Ma è chiaro che Peñaranda dovrà comunque calarsi nel progetto tecnico ideato da Gigi e quindi mettere in conto anche il sacrificio in fase difensiva per poi scatenarsi nelle ripartenze che esaltano la sua rapidità d’esecuzione. Armi che Gino Pozzo conosce molto bene per averle apprezzate a Granada, dove il ragazzo lo scorso anno ha giocato da protagonista e dove – si dice – vorrebbe ritornare: «Non abbiamo assolutamente parlato con il suo agente (Norman Capuozzo della “Go Pro Management”, ndr) di un addio a gennaio – ha spiegato Gino Pozzo parlando del futuro dell’attaccante –, noi vogliamo che si affermi nell’Udinese. Il ragazzo è uno con la testa a posto, non si fa condizionare dalle aspettative su di lui che ci sono in Sudamerica, ma è chiaro che deve trovare la sua collocazione nel progetto tattico della squadra», ha concluso Pozzo junior per chiudere il cerchio. E nel “percorso” ci sono anche le parole pronunciate un paio di settimane fa dal procuratore stesso all’inglese Observer, interessato alle voci su Peñaranda visto che si tratta di una “proprietà Watford”. «Al momento non abbiamo contemplato la possibilità di un prestito». Al momento. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy