Messaggero Veneto: “Non era la vera Udinese”. Delneri pronto a cambiare

Messaggero Veneto: “Non era la vera Udinese”. Delneri pronto a cambiare

Il problema legato all’infortunio muscolare di Widmer “tormenta” l’allenatore
«Vedremo chi arriverà dal mercato, altrimenti dovrò trovare delle alternative»

di Redazione

Il Messaggero Veneto riporta oggi i dubbi di Delneri che si mette così in discussione:

«Sono pronto anche a cambiare, mica detto che dobbiamo giocare sempre con lo stesso modulo. Possiamo difendere anche a tre». Boom: sarebbe una notizia esplosiva se uno dei massimi cultori del 4-4-2 decidesse di tornare indietro, al passato. La manovra. «Non abbiamo giocato, abbiamo sballato tutto, non ho visto una squadra sul campo in grado di fare la partita, di creare. È stata la gara che ha dato meno risultanze in questi due anni: mi dispiace perché volevamo cominciare bene», ha spiegato Delneri descrivendo l’1-2 firmato dal Chievo, squadra tutt’altro che arrendevole e soprattutto quadrata: «Penso possa puntare tranquillamente al decimo posto con la speranza di inserirsi nei quartieri alti. Ogni anno succede. Il Chievo ha le carte in regola, ha un gioco costruito nel tempo». Come dire: noi non ancora. Gli errori. E non aiuta neppure il rendimento di una difesa che ogni volta che gioca incassa almeno un gol, anche in amichevole. «Un gol come quello che abbiamo subito su calcio d’angolo non si può prendere. Ma non mancava solo la difesa. È mancata l’uscita giusta nel tempo delle giocate, il fraseggio, sono mancate le sovrapposizioni. Nel secondo tempo abbiamo cercato di sfruttare la forza d’urto, ma non ci siamo riusciti. La verità è che non abbiamo grandi soluzioni, complice qualche problemino, ora dobbiamo trovare delle alternative». La tattica. Qui il discorso di Delneri si aggancia al modulo, alle possibili soluzioni in vista della trasferta in casa della Spal: «Se arriva quel ragazzo (ma l’affare con il Benfica per Pedro Pereira è saltato, ndr), vedremo come sta e se può darci subito una mano. Altrimenti bisognerà trovare qualche correttivo, dovremo lavorare su delle altre idee».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy