Fanna: a Widmer consiglio di rimanere

Fanna: a Widmer consiglio di rimanere

Piero Fanna, friulano DOC e veronese d’adozione era presente al ‘Bentegodi’ per assistere al derby del Triveneto: “Al di là degli episodi – commenta –  l’Udinese mi ha fatto una buona impressione. E’ stata vivace, veloce nella manovra. Certamente è stata una gara di fine stagione fino alla prima espulsione: l’Udinese ha avuto qualche occasione in più, ma le due squadre giocavano comunque bene. La vittoria è stata sicuramente condizionata all’arbitro, ma i bianconeri hanno giocato bene”.

Arbitri protagonisti, a Verona come a Udine nella sfida tra bianconeri e Inter. “Mancano forse di personalità, e gli errori si vedono. Adesso qualche giocatore del Verona pagherà doppio l’errore con la squalifica nel derby col Chievo. Secondo me questi arbitri non sanno interpretare le partite. L’arbitro migliore dovrebbe essere quello che non si nota”.

Fanna, storica ala destra del calcio italiano, da anche un consiglio a Widmer giovane rampante in quel ruolo: “E’ un discreto giocatore, non credo che però faccia bene ad andare già via: può crescere ancora, serve evitare troppe aspettative. Deve maturare, un paio di anni ancora con l’Udinese gli servirebbero”.

Allan invece “ha impressionato. E’ un giocatore di buone geometrie, uno che sa bene cosa fare, ha personalità: per me è pronto ad andare via per giocarsi le sue carte in una squadra da vertice”.

Ma l’Udinese riuscirà ad alzare l’asticella trattenendo i suo campioni? “C’è una proprietà importante: è giunto il momento di provarci.  Senza lo  stadio nuovo certe scelte non si potevano fare. Ora a livello europeo è una società maestra nel saper gestire le risorse, sarebbe bello almeno provarci, anche se non è detto che poi si possa vincere. Credo che potrebbe riuscire a trattenere qualche campione, ha le potenzialità economiche per farlo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy