Petiziol: Sulla qualità del gioco mi astengo per pudore

Petiziol: Sulla qualità del gioco mi astengo per pudore

Sarà Napoli -Udinese uno degli ottavi di Coppa Italia che si giocherà a gennaio,dopo che i bianconeri si sono inzuppati per 120’ per battere il Cesena penultimo nel nostro campionato.

Stramaccioni propone un corposo turn-over inserendo le seconde linee ad eccezione di Danilo, Allan e Guilherme e Piris. Il resto giovani che hanno accumulato solo pochi minuti in campionato.

C’è anche Scuffet fra i pali ,ed è proprio lui abbondantemente arrugginito … per farlo crescere, a regalare il vantaggio al Cesena. Esce senza il permesso dei genitori e finisce ciullato da Duric . Non è il Simone che conoscevamo. Ci pensa Allan a fare finalmente il brasiliano e impalmare Agliardi con uno slalom favorito dall’abbondante pioggia.

Mi tranquillizzo quando alla fine del primo tempo quando il portoghese Borges Bruno Fernandes, dal fisico da domatore di vongole, va a pescare il sette con palo annesso e rete piena del 2-1 .

Basta poi aprire la ripresa e Danilo è ancora al bar a bersi la cioccolata calda che Succi ,che non segnava dai tempi della cumparsita fotografa ancora Scuffet, sfruttando un calcio di punizione dalla trequarti  ,di solito preda dei difensori. Amen ,incartiamo anche questo .

Esce Volta del Cesena a un quarto dalla fine col rosso di Tommasi ,l’arbitro, dopo un tentativo di killeraggio ai danni di Pinzi,ma non cambia nulla . Ergo destinazione supplementari ,una sciagura in vista dell’Inter.

Nel frattempo sono entrati Kone il greco , quello col succhiotto, Thereau e l’Evangelista Lucas non quello di Antiochia,ma quello di Limeira in Brasile che con un tuffo ecumenico allontana nei supplementari  la tiritera dei rigori. Poi Cyril fissa il 4-2 dopo una bella azione firmata da Geijo.

E tutti a continuare la doccia negli spogliatoi.

Diciamo subito che i gol visti sono stati tutti belli ,che la partita è stata una specie di danza tribale sotto la pioggia e che , a parte il risultato non so quali indicazioni possa aver tratto sor Strama dai giovani proposti.

Personalmente mi è sembrato animato da buone intenzioni Gejio più volte a conclusione seppur in maniera intorcolata (ha preso anche un palo) ma che in fondo si mosso anche in fase di copertura ed ha retto fino alla fine del lungo match ,giocando un secondo tempo da reduce per via di una fasciatura in testa.

Gli atri hanno corso e lottato e questo mi sembra un buon segnale.Il turno è passato e dopo 5 giornate siamo tornati vincere.

Sulla qualità del gioco mi astengo per pudore . Non si può avere sempre la botte piene e la moglie ubriaca.

In attesa di ubriacare la moglie … interista, per stasera accontentiamoci della botte piena, che per un friulano è già segno di prosperità.

Lorenzo Petiziol

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy