L’AUC dura: “Non possiamo più stare zitti, vogliamo gente che lotta per la maglia”

L’AUC dura: “Non possiamo più stare zitti, vogliamo gente che lotta per la maglia”

Dopo l’ennesimo ko dell’Udinese, anche l’AUC prende posizione: “A noi non ci spaventa la serie B, ma noi pretendiamo gente che lotta per la nostra maglia!”

Commenta per primo!

Anche l’Associazione Udinese Club prende posizione dopo il triplice ko maturato con Carpi, Juve e oggi col Palermo da parte di un’Udinese sempre più apparentemente inerme.

Ora non possiamo più stare zitti, da inizio campionato abbiamo sempre dato il “beneficio del dubbio” alla squadra e all’allenatore sperando che con il lavoro cambiassero le cose ma, a parte qualche rara partita, le cose non stanno cambiando. La partita di oggi è solo l’ennesima conferma di quanto visto in queste 21 giornate.
Una squadra senza voglia, senza grinta, senza gioco e con le idee confuse. I tifosi ormai sono stufi di assistere a queste partite.
Si può vincere e si può perdere ma la maglia dev’essere sempre onorata in campo, atteggiamenti come quelli visti negli ultimi periodi non verranno più tollerati.
È ora che vi diate una svegliata!!  È ora di tirar fuori gli “attributi” e far vedere a tutti che ci tenete ai nostri colori.
Il nostro appoggio è sempre stato incondizionato e sempre lo sarà, ma se serve siamo anche pronti a farci sentire, perché la nostra maglia e i nostri colori vengono prima di tutto.
Questo vale per tutti, giocatori staff e società, fate vedere ai tifosi che vi seguono sempre che ci tenete davvero.
Solo insieme si vince e solo con la voglia si esce da questo momento che si sta protraendo da molto, troppo tempo.
È ora di cambiare, è ora di dare una svolta, è ora di iniziare a giocare con la stessa grinta e la stessa voglia che ogni domenica i tifosi mettono sugli spalti.
A noi non ci spaventa la serie B, ma noi pretendiamo gente che lotta per la nostra maglia!

Daniele Muraro  Presidente AUC

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy