Messaggero Veneto: Pordenone, è punto un pesante Il Benevento non passa al Friuli

Messaggero Veneto: Pordenone, è punto un pesante Il Benevento non passa al Friuli

La capolista va in vantaggio con Kragl. I neroverdi, ancora imbattuti in casa, agguantano il pareggio con Camporese

di Redazione

L’analisi del Messaggero Veneto sul pari del Pordenone al Friuli col Benevento.

Neppure le Streghe del Benevento spaventano il Friuli, esorcizzate da un ottimo Pordenone, capace di frenare la corsa della corazzata di Pippo Inzaghi, reduce da tre vittorie consecutive, che perde il primato a favore dell’Ascoli – travolgente sullo Spezia, mentre cade in casa col Venezia l’altra battistrada Entella – e viene raggiunto dal Perugia. Il primo pareggio stagionale vale quanto una vittoria per i ramarri, che nel turno infrasettimanale cancellano lo stop di Livorno e si iniettano una bella dose di fiducia.In occasione della sfida alla capolista, Tesser rimette Almici titolare sull’esterno in difesa, con Camporese, Barison e De Agostini a protezione di Di Gregorio. La novità principale è l’esordio assoluto di Davide Mazzocco, schierato come mezzala destra al fianco di Burrai, irrinunciabile come ormai lo è diventato l’altra mezzala Pobega. Davanti la fantasia di Chiaretti a supporto di Monachello e Ciurria. Abbondanza da serie A per Pippo Inzaghi, che schiera gente come Maggio, Coda e Armenteros, permettendosi di tenere in panchina giocatori del calibro di Insigne, Hetemaj e Sau.Un vero squadrone, che vuole subito far valere la legge del più forte, imponendo gioco e ritmi, puntando subito su velocità e forza. Il Pordenone è carico, vuole riscattare il ko rimediato tre giorni prima in Toscana, ma vede farsi subito in salita la gara, incassando al 12′ il primo gol al Friuli in campionato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy