Fifa, limite ai prestiti e alle commissioni degli agenti

Fifa, limite ai prestiti e alle commissioni degli agenti

Le nuove norme a cui la Fifa sta mettendo mano sono intese a disciplinare il sistema dei trasferimenti prevedendo un tetto ai prestiti e alle commissioni degli agenti. Soprattutto in riferimento al primo punto la società dell’Udinese, molto attiva nel campo dei trasferimenti internazionali, dovrà rivedere il proprio sistema per potersi adeguare alle nuove misure

di Redazione

Il FIFA’s Football Stakeholders Committee ha approvato una serie di misure volte a proteggere l’integrità del sistema dei trasferimenti e prevenire gli abusi, in particolare il comitato ha raccomandato l’introduzione di un limite alle commissioni degli agenti e un limite ai prestiti dei giocatori. Soprattutto in riferimento al primo punto la società dell’Udinese, molto attiva nel campo dei trasferimenti internazionali, dovrà certamente rivedere il proprio sistema per potersi adeguare alle nuove disposizioni poiché, ad esempio, dei 15 giocatori bianconeri in prestito, ben 8 sono all’estero.

Per quanto riguarda i prestiti infatti, le misure dovranno:

  • prevenire l’accumulo di giocatori e garantire che i prestiti abbiano uno scopo sportivo valido per lo sviluppo dei giovani calciatori rispetto a scopi commerciali; prevedere limitazioni sui prestiti internazionali di giocatori di età pari o superiore a 22 anni;
  • a partire dalla stagione 2020/2021, prevedere un limite di otto prestiti internazionali in entrata e in uscita, con riduzione a sei entro la stagione 2022/2023, con un massimo di tre prestiti in entrata e tre prestiti in uscita tra gli stessi club.

Per quanto riguarda gli agenti invece, si raccomanda l’introduzione di un limite alle commissioni (10% del prezzo di vendita per gli agenti delle società venditrici, il 3% della retribuzione dei giocatori per i suoi agenti e il 3% della retribuzione dei giocatori per gli agenti dei club acquirenti) e la limitazione alla rappresentazione multipla per evitare conflitti di interesse.

Queste nuove misure vanno ad aggiungersi a quelle già approvate lo scorso anno e attualmente in fase di sviluppo, tra le altre la reintroduzione di un sistema di licenze obbligatorie per agenti, ulteriori misure di istruzione e un requisito per la formazione professionale continua inoltre l’introduzione di un sistema per risolvere le controversie tra agenti, giocatori e club.

Tali disposizioni saranno presentate al Consiglio FIFA nella prossima riunione del 24 ottobre.

FONTE calcioefinanza.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy