Caos Parma; Manenti, solo proprietà può salvare club

Caos Parma; Manenti, solo proprietà può salvare club

di Monica Valendino, @Moval1973

Il tentativo di salvare il Parma “può farlo solo la proprietà, non può farlo un terzo”: così Giampietro Manenti, presidente del club ducale ai microfoni di Radio24 dove spiega anche perchè non partecipa all’assemblea di Lega in corso a Milano. “Perché non sono lì? Perché abbiamo un controllo in corso. Non mi posso muovere, come faccio”. Nel pomeriggio a parma arriverà Tavecchio per parlare con la squadra ma Manenti non chiarisce se ci sarà o meno un incontro col n.1 della Figc: “Vediamo come si evolve la discussione, come faccio a sapere cosa posso dirgli? Non so cosa dirà lui” Manenti sembra sempre più un uomo fuori dal tempo e dallo spazio, ma i vertici calcistici non appaiono da meno.

“Chi me lo ha fatto fare? È una bella domanda. Ho ereditato una situazione molto difficile, non immaginavo di trovarmi una situazione così complicata ma stiamo cercando di superare gli ostacoli ed andare avanti”, ha successivamente aggiunto Manenti ai microfoni di Radio Crc. “C’è bisogno di un lavoro non indifferente, non abbiamo ancora una stima precisa dei debiti contratti ed abbiamo tempo fino al 20 per effettuarla. Siamo convinti di riuscire a salvare il Parma”, ha detto ancora Manenti aggiungendo di essere “scoraggiato ma non pentito”: “Ho sbagliato a fare quelle dichiarazioni all’inizio, ma ero convinto di potercela fare ed ho già fatto mea culpa. Ripeto, non conosciamo l’entità dei conti in rosso. Immaginavamo una situazione diversa da quella che abbiamo trovato, ma sono abituato a situazioni difficili”. Venendo al calcio giocato, per Manenti “Parma-Atalanta si giocherà. Anche le partite precedenti erano a posto dal punto di vista finanziario”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy