Turchia, saluto militare: l’UEFA non ha ancora preso una decisione

Turchia, saluto militare: l’UEFA non ha ancora preso una decisione

La precisazione del capo ufficio stampa dell’Uefa sul saluto militare della Nazionale turca dopo la vittoria sull’Albania

di Redazione

“Personalmente non ho visto quel gesto, che comunque potrebbe sembrare una provocazione. Il regolamento vieta riferimenti politici e anche religiosi? Sì, e posso garantire che esamineremo questa situazione. Fatemi controllare”. Così il capo ufficio stampa dell’Uefa, Philip Townsend, ha commentato all’ANSA il saluto militare, fatto sul campo dai giocatori della Nazionale di calcio della Turchia dopo il match vinto contro l’Albania in omaggio alle forze armate turche, impegnate in un’offensiva nella Siria del Nord nelle zone occupate dai curdi e la foto di una trentina di persone con la mano tesa all’altezza del sopracciglio è stata postata sui profili social della nazionale.

Townsend ha in seguito precisato: “L’Uefa non ha preso alcun tipo di posizione riguardo al caso della Turchia. Oggi c’é stato un equivoco, e volevo solo dire che per giudicare quel gesto dei giocatori, prima vanno consultati i regolamenti. E non ho mai fatto riferimenti politici o religiosi. Anzi, non ho proprio usato questi termini”“Ci sono i regolamenti – ha ribadito – e vanno esaminati prima di prendere qualsiasi decisione. A una domanda ho risposto che li avrei riletti prima di poter esprimere un’opinione, anche perché non vado con il libretto delle regole in tasca e quindi non avrei potuto fare altrimenti. Ora come ora non c’é nulla”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy