AIC, Calcagno: “Giochiamo più gare ma non di pomeriggio”

Il Vicepresidente dell’AIC, Umberto Calcagno ha parlato della ripresa del campionato di Serie A

di Redazione

Il Vicepresidente dell’AIC, Umberto Calcagno ha parlato della ripresa del campionato di Serie A. Queste le sue parole ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Cancellare le gare di pomeriggio e giocare su più giorni”: così il vicepresidente dell’Associazione calciatori Umberto Calcagno a Radio Punto Nuovo. “Giocare alle 16-16:30 in certi periodi dell’anno diventa un problema al Sud, ma anche altrove. È un modo per tutelare la salute dei calciatori che saranno sottoposti a un tour de force. Bisogna togliere lo slot del pomeriggio e giocare solo nei due preserali e serali“.

Contratti
Bisogna capire che cosa si può fare giuridicamente. Se si scrivono cose non sostenibili giuridicamente, diventano anche impugnabili. La mia idea, condivisa da tanti colleghi avvocati, è che non si possa influire su rapporti privatistici di lavoro e che quindi non può esserci un ente esterno che modifichi unilateralmente la durata del contratto“.

Preoccupazione sulla Coppa Italia
Deriva dal fatto che nessuno ha esperienza rispetto a un periodo di inattività così lungo“.

Diritti Tv
Possono essere risolti solo dal Governo. Gli interessi economici in gioco sono elevati e non è giusto che qualcuno si avvantaggi o venga svantaggiato dalla ripresa. La ripresa è funzionale nel far ripartire il sistema, compresa Serie B e Serie C“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy