AIC, Calcagno: “I calciatori in scadenza non possono lasciare il club il 30 giugno”

Il vicepresidente dell’AIC, Umberto Calcagno ha parlato della delicata situazione relativa alla scadenza dei contratti dei calciatori

di Redazione

Il vicepresidente dell’AIC, Umberto Calcagno ha parlato della situazione relativa ai contratti in scadenza dei calciatori il 30 giugno. Queste le sue parole ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Abbiamo stilato un documento che contiene tutte le ipotesi di prolungamento dei contratti che si potranno verificare. Non è stato sottoscritto, non è un accordo collettivo, sono indicazioni che possono darci delle linee guida da seguire. Chi ha già un contratto pluriennale con la stessa società o dei prestiti con opzioni di riscatto, e tutte le questioni che presuppongono di avere un contratto per l’anno successivo, l’impostazione è che gli importi contrattuali della prossima stagione vengano suddivisi in 10 rate. Per chi è in scadenza di contratto ci sarà una contrattazione libera. Tutti dovranno sottoscrivere un accordo, non si può modificare unilateralmente la durata di un contratto, ma con queste basi ed un po’ di buon senso, si può tenere un campionato equilibrato permettendo di concludere il campionato con le stesse rose. Un calciatore può andar via il 30 giugno? Se è in scadenza o ha un prestito secco. Noi consiglieremo, in caso di prestito, di concordare che l’importo pattuito per l’anno prossimo venga rispettato e rateizzato in 10 mensilità. Su quella base si può contrattare per capire come trattare gli stipendi di questa stagione sportiva e l’eventuale prolungamento, altrimenti può succedere come è già successo in Europa: tornare al club d’appartenenza. Tutti sono liberi di fare quello che meglio ritengono, basta trovare un accordo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy