Calcio, secondo uno studio danese il pericolo contagio sarebbe basso

Uno studio danese ha sottolineato quanto una partita di calcio possa risultare pericolosa ai fini del contagio da Coronavirus

di Redazione

Sarebbe di 15 minuti secondo il commissario straordinario Arcuri, il tempo minimo che impiega il COVID-19 per poter attaccare un organismo. L’università di Aarhus ha analizzato il rischio di contagio che potrebbe avvenire durante una partita di calcio. Il portale Videnskab.dk ha riportato uno studio effettuato sui dati della Superligaen, massimo campionato danese. I dati sono stati verificati in base ai movimenti degli atleti nello spazio e nel tempo del contatto minimo di un metro e mezzo. I dati riportati da Calcio e Finanza evidenziano che non ci sarebbe rischio effettivo, visto che mediamente i calciatori mantengono tra 0 e 657 secondi una distanza inferiore a quella di sicurezza, quindi poco meno di 11 minuti nell’arco dei 90 minuti. Il tempo è comunque meno di 15 minuti ritenuti rilevanti per il contagio da parte del National Board of Healt.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy