FIFA, Colucci: “Un calciatore può avere i suoi timori, ma non può rifiutare di allenarsi.

Il membro della FIFA e avvocato ed esperto in diritto sportivo Michele Colucci ha parlato della posizione dei calciatori sulla ripresa degli allenamenti

di Redazione

La maggior parte dei calciatori, hanno espresso da subito la volontà e il desiderio di riprendere gli allenamenti e conseguentemente le gare. Un pensiero che accomuna i calciatori, ma non tutti la pensano così. Ultimo in ordine di tempo Aguero del Manchester City, il quale ha espresso il suo timore verso il contagio da COVID-19. L’avvocato, esperto di diritto sportivo ma anche membro della FIFA, Michele Colucci ha parlato di questa delicata situazione. Queste le sue parole al quotidiano Il Mattino: “Un calciatore può rifiutarsi di riprendere la preparazione per timore di essere contagiato? No. Un calciatore può esternare i propri timori ma non può rifiutarsi appunto in presenza di un protocollo sanitario che consente al dipendente di lavorare in sicurezza. Se i colleghi di lavoro iniziano l’attività, seguendo il protocollo, il singolo può chiedere la verifica delle misure in atto ma non può rifiutarsi. Discorso che vale anche per chi, attualmente all’estero, non intenda rientrare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy