FIGC, Gravina: “Entro metà luglio mi auguro di riaprire gli stadi”

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina ha parlato della riapertura degli stadi e della ripresa del calcio italiano

di Redazione

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina ha parlato della ripresa del calcio italiano e della possibilità di riaprire gli stadi. Queste le sue parole ai microfoni di Radio Deejay: “Sono riuscito a gioire pensando tra l’altro ad una strana coincidenza. Ieri sera, proprio in coincidenza di quel preciso instante, avremo dovuto inaugurare l’Europeo con Italia-Turchia a Roma. E per coincidenza è ripartito il calcio italiano e questo deve essere un motivo di orgoglio per tutto il movimento sportivo ma anche per tanti appassionati di calcio“.

Alleggerimento della quarantena, è stata la vittoria del dialogo?
Diciamo equilibrio, grande coerenza ma soprattutto dialogo. Sono tre elementi fondamentali. E’ stato il giusto mix di questi tre elementi che ha portato a centrare un obiettivo importante per tutti. Quello di ieri è stato l’ultimo piccolo tassello che serviva per fugare qualunque tipo di dubbio sulla proiezione, in termini di prospettiva, in definizione dei nostri campionati. Io sono contento di questo ultimo tassello, ne manca ancora uno che è la partecipazione dei tifosi che mi auguro possa avvenire in tempi molto rapidi“.

Riapertura degli stadi
Io mi auguro i primi di luglio. La prima settimana, massimo metà luglio. Questo significa che il nostro Paese ha buttato via quelle ultime restrizioni e siamo evidentemente usciti da questo momento particolarmente buio per il nostro Paese“.

Il calcio sarà diverso?
Io sono convinto che fra i tifosi e il calcio c’è stato un contatto continuo, un filo che non si è mai spezzato e quel filo è la passione che ha contraddistinto i vincoli forti. Abbiamo avuto momenti difficili, dove ancora una volta – e questa credo sia quasi una caratteristiche del nostro Paese – ci siamo fatti del male da soli. Abbiamo fatto di tutto per denigrare anche quegli aspetti positivi che abbiamo fatto come il fondo salva calcio. Immediatamente abbiamo demolito una delle più belle e uniche iniziative che hanno dato possibilità al nostro calcio di rilanciarsi. Anche ieri sera ha fatto discutere l’arbitraggio di Orsato solo perché si è consultato col VAR per un rigore. Noi amiamo farci del male, dobbiamo per forza cercare sempre di demolire anche quello che di positivo riusciamo a fare“.

Giocare e rispettare i toni
Io credo che peggio di questa crisi è non capire tutto quello che questa crisi ha generato e tutto quello che da questa crisi dobbiamo prendere di buono. Dialogo significa confronto, confronto significa mantenere i toni bassi, essere leali, essere onesti anche con i nostri comportamenti e soprattutto con quello che vogliamo costruire. Ora noi siamo in una fase di ricostruzione, ovvero proiettarsi verso il futuro che in tanti anni abbiamo sempre auspicato. L’espressione futuro per noi del calcio significa riforma, mettere a base di quello che sarà il progetto del futuro anche una nuova cultura sportiva“.

L’inizio di un percorso verso la riforma del calcio italiano
E’ il prossimo impegno che richiede energie. Il rapporto con Paolo Dal Pino, il rapporto con l’istituzione Lega, è stato un elemento di forza, quella spinta a puntare sempre più avanti, ad alzare l’asticella, a trovare energie e forza per portare avanti una nuova idea“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy