Tuttosport: Muriel giocherà nella Samp

Tuttosport: Muriel giocherà nella Samp

di Monica Valendino, @Moval1973

Quella che ieri mattina sembrava la fine, in realtà è stata solo un nuovo inizio. A Genova la telenovela Muriel è cominciata molto presto, con un comunicato dell’Udinese in cui si annunciava la rottura della trattativa per il trasferimento alla Samp del colombiano, richiamando alla corte di Stramaccioni sia lui sia il difensore Andrea Coda, inserito nell’operazione: «La società – sul legge nella nota dei Pozzo – prende atto della valutazione differente sui tempi di recupero stimati dalla Sampdoria per l’ infortunio di Luis Muriel e dopo aver concesso il proprio tesserato per ulteriori approfondimenti e accertamenti, ritiene opportuno nell’interesse dei calciatori e del club di non andare oltre». Fin qui, nulla di strano, o quasi, ma il bello è arrivato dopo: l’attaccante sudamericano, invece che tornare in Friuli, in tarda mattinata si è recato nella sede blucerchiata dicendo al presidente Massimo Ferrero che non aveva alcuna intenzione di rientrare a Udine. Tutto da rifare, anche per la Sampdoria che, ben contenta, non voleva interrompere la trattativa ma “soltanto” cambiare i termini dell’accordo. 

Amore a prima vista

Il numero uno della Sampdoria a quel punto è andato a pranzo con Muriel, che ha trascorso la notte in un noto hotel del levante ligure. Un pranzo veloce, con il giocatore quasi commosso per l’impegno dimostrato da Ferrero, che per tutto il giorno, prima di tornare a Roma, ha tentato di metterci una pezza: «Certo che Muriel sarà nostro – ha detto l’imprenditore cinematografico nel primo pomeriggio -, me lo auguro con tutto il cuore perché stiamo facendo un grande lavoro col ragazzo e stiamo cercando un accordo con l’altro club. Giampaolo e Gino Pozzo sono due grandi presidenti, che stanno nel calcio da anni e sono molto intelligenti. Per questo stiamo lavorando per trovare un’intesa che possa tutelare il ragazzo. Credo che ci sia stato un errore nel comunicato dell’Udinese. Muriel per me resta a Genova, ma dobbiamo chiederlo a lui. Io intanto sono convinto che troveremo la quadra».

L’ora X

A quel punto sono scesi in campo il suo braccio destro Antonio Romei e il direttore sportivo Carlo Osti che da Roma e Milano erano in stretto contatto telefonico con Udine. Alla fine la Sampdoria ha avanzato due proposte: o uno sconto sui 12 milioni di euro o l’obbligo di riscatto se il giocatore dovesse disputare un tot di partite. In ogni caso se in un primo momento la trattativa sembrava sfumata, in casa blucerchiata è tornato l’ottimismo. Nel frattempo ieri Osti ha lavorato anche per chiudere l’operazione Samuel Eto’o. A Milano c’è stato un nuovo incontro tra le parti, che si sono ulteriormente ravvicinate. La fumata sembra sempre più tendente al bianco, anche perché il giocatore (che però non ha mai sentito al telefono Ferrero) ha espresso la sua ferma volontà a voler ritornare in Italia, preferibilmente alla Sampdoria. Entro domani potrebbe quindi chiudersi anche la trattativa per l’attaccante del Camerun. Se nelle prossime ore in casa Samp dovesse arrivare il doppio colpo di mercato salirebbero anche le quotazioni di Ferrero che, tra l’altro, è stato inserito da un bookmaker tra i candidati a ricoprire il ruolo di presidente della Repubblica. E qualcuno ha ci ha pure investito sopra qualche soldo.

Tratto da Tuttosport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy