Ultras dell’Atalanta indagati per traffico di droga e violenza negli stadi

Ultras dell’Atalanta indagati per traffico di droga e violenza negli stadi

Alcuni ultras nerazzurri assumevano cocaina nei pressi dello stadio per poi compiere atti di violenza

di Redazione

A seguito delle indagini avviate nel 2015 dalla Squadra mobile di Bergamo e dallo Sco della Polizia di Stato, numerose persone italiane, un cittadino albanese e un serbo in prevalenza ultras dell’Atalanta, sono stati indagati per traffico e spaccio di droga anche all’interno della tifoseria stessa. Tra gli indagati compaiono anche un settantatreenne e un sessantatreenne. Dall’operazione chiamata “Mai una gioia” e che prende il nome da una frase in codice utilizzata ripetutamente dagli arrestati e comparsa su uno striscione in curva, è emerso che un gruppo di tifosi, soprattutto ultras nerazzurri, prima di assistere alla partita acquistavano e quindi assumevano cocaina nei pressi o anche all’interno dello stadio per poi, incappucciati, perpetrare atti di violenza e rapine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy